[Inchiesta] Cina, Sesso su WeChat e Telegram come se fosse “fast food”

Tempo di lettura: 1 minuto

Una ragazza filippina di 15 anni ha spiegato al comitato del senato del suo paese che era stata reclutata come massaggiatrice, ma invece…scoprì che sarebbe stata prostituita come una delle nove sotto il controllo di un capo , il quale ‘vendeva’ il suo corpo quasi esclusivamente a clienti cinesi.

Il suo capo avrebbe mantenuto metà dei suoi guadagni, che iniziavano a 6.000 pesos per cliente e aumentavano se rimaneva durante la notte.

La testimonianza dell’adolescente, data tramite un collegamento video, è stata solo una delle intuizioni scioccanti che il comitato ha acquisito nell’ascesa delle tane della cinese nelle , durante un’audizione speciale.

Il comitato ha anche ascoltato le forze dell’ordine, che hanno direttamente collegato la proliferazione delle tane all’ascesa degli operatori filippini di giochi offshore, o Pogos, società di gioco d’azzardo online che hanno sede a livello locale, ma impiegano principalmente lavoratori cinesi e si rivolgono ai clienti in Cina, dove le scommesse sono illegali.

I giocatori d’azzardo cinesi sono il principale target di riferimento per Pogos.

L’avvocato Reynaldo Bicol, direttore dell’ufficio di campo della Mission , ha aggiunto che gli sforzi per reprimere le tane sono stati complicati dall’uso di privati ​​cinesi forum.

La senatrice Risa Hontiveros, presidente del comitato del senato per le donne, i bambini e le relazioni familiari, ha affermato che i suoi si sono infiltrati in gruppi di wechat e Telegram, scoprendo varie transazioni sessuali da inorridire.

Fonti varie