Il settore dei beni di lusso sta cambiando rapidamente

Tempo di lettura: 2 minuti

Il settore dei beni di lusso sta cambiando rapidamente, schiacciato dai flussi e riflussi di sconvolgimenti geopolitici e socio-politici. Solo due anni fa, si poteva dipendere da una città metropolitana europea come Parigi come un fattore propulsivo della crescita del lusso, nominato nel 2017 dalla società di ricerca immobiliare Savills come capitale della vendita al dettaglio di lusso dopo aver sperimentato la più grande crescita in termini di aperture di boutique di lusso commerciali .

In Oriente, si potrebbe guardare a Hong Kong, un centro finanziario asiatico in cui i marchi più importanti del mondo si trovano nelle loro sedi regionali.

Una volta con orgoglio solo etichette “Made in France” come Louis Vuitton aprivano location negli Stati Uniti, con dirigenti esecutivi lungimiranti come Bernard Arnault.

Oggi quei marchi stanno facendo un passo indietro, rispetto alle guerre commerciali, mentre il presidente degli Stati Uniti Trump sostiene decenni di stabilità geopolitica ed economica.

Nel c’è un paese che esce dal mucchio. I giovani consumatori considerano la proprietà e l’affiliazione con marchi di stilisti come una forma di . (Sono) non solo qualcosa da indossare, ma una scelta di vita che li contraddistingue come parte di una comunità distinta ed esclusiva.

La maggior parte di questi giovani consumatori sono nuovi sul mercato, offrendo sia un’opportunità allettante che un imperativo implicito per i marchi di rimanere aggiornati o rischiare di perdere concorrenti più esperti di digitalmente.”- McKinsey China Report 2019

Sulla scia della crescente cinese, l’iniezione di milioni di nuovi consumatori di lusso ha alterato le dinamiche tradizionali del settore del lusso, creando un mercato di $ 1,2 trilioni di euro. 10 anni fa, gli acquirenti cinesi rappresentavano meno del 15% del consumo mondiale di lusso, quest’anno rappresentavano il 35% del mercato e dovrebbero salire al 40% entro il 2025.

A livello globale, i consumatori True-Luxury hanno generato il 30% del mercato del lusso o 278 miliardi di euro, prevedendo di raggiungere 395 miliardi di euro entro il 2025 con la maggior parte della crescita proveniente da altre tre categorie: lo Status Seeker, definito da BCG come “follower” che difficilmente sperimenterà e acquisterà prodotti di lusso ben noti per mostrare ricchezza e successo.