Il PIL di Singapore è cresciuto del 2,1 per cento nel terzo trimestre

Tempo di lettura: 1 minuto

Il prodotto interno lordo di è cresciuto del 2,1 per cento nel periodo da luglio a settembre rispetto al secondo trimestre di quest’anno, dopo gli aggiustamenti delle oscillazioni stagionali, secondo il Ministero del Commercio e dell’Industria (MTI).

Il settore manifatturiero ha registrato una crescita del 7,6 per cento, un’inversione di tendenza dal calo del 4,2 per cento nel secondo trimestre, mentre la contrazione nel settore delle costruzioni è passata dal 5,5 per cento dell’ultimo trimestre allo 0,1 per cento.

I progetti del settore pubblico, come la costruzione in corso di un nuovo terminal all’aeroporto Changi di Singapore, nonché l’espansione delle sue reti ferroviarie, hanno dato una spinta ai numeri.

Lee Ju Ye, economista della Maybank Kim Eng Research, ha affermato che un aumento globale della domanda di smartphone, ha contribuito all’aumento della produzione di semiconduttori e all’aumento dell’attività manifatturiera.

Selena Ling, responsabile della ricerca e della strategia del tesoro presso OCBC Bank, ha sottolineato che i venti contrari rimangono tra “rinnovate preoccupazioni” per i progressi e l’effettiva firma di un accordo commerciale USA-Cina.

Gli analisti avvertono che, le incertezze regionali e globali, potrebbero rallentare la ripresa economica di Singapore.

Fonte