Il miglior latte non caseario ricco di proteine

Tempo di lettura: 4 minuti

Negli ultimi 4 anni, le vendite di latte non caseari sono aumentate del 23% , mentre contemporaneamente le vendite di prodotti lattiero-caseari sono in grave calo. Dato che un terzo dei millennial afferma di cercare attivamente di evitare i , sembra che il latte non caseario rimanga qui, il che significa una varietà più ampia per quelli di noi che preferiscono le opzioni a base vegetale .

Ma tutta questa varietà può essere sia una benedizione che una maledizione! Non tutto il latte alternativo è creato uguale. Mentre il latte di soia potrebbe essere il tuo preferito per i frullati, sicuramente non è la scelta migliore per un latte schiumoso. E in tutto il corridoio della drogheria, il latte può essere drasticamente diverso. Dal gusto alla consistenza, dai agli additivi, ci sono alcune cose che tutti dovremmo cercare, indipendentemente dal fatto che tu sia il team Oatly o il team Bonsoy.

Facciamo perno sul caseificio per qualche contesto. Il latte di mucca ha un ottimo profilo nutrizionale: è ricco di , un’ottima fonte di calcio e contiene altre vitamine che contribuiscono alla forza ossea. Nonostante ciò, tuttavia, non è per tutti noi: non è adatto ai , fino al 75% del mondo è intollerante al lattosio e i latticini sono stati spesso collegati a condizioni della pelle come l’acne. Immettere: opzioni non casearie. Idealmente, il latte vegetale dovrebbe riempire il vuoto lasciato dai latticini nel modo più completo possibile. Ciò significa che il latte ha una buona quantità di calcio, oltre ad essere deliziosamente bevibile. C’è anche una cosa importante che non dovrebbe essere nel tuo latte: lo zucchero. Può nascondersi sotto alcuni nomi ma il succo di canna evaporato o lo sciroppo di canna è un colpevole comune.

Dal momento che molti di noi assumono abbastanza proteine ​​nelle nostre diete, in genere va bene se il tuo latte non è gestito da casa in quel reparto. Questo ci lascia con due cose principali da cercare nella scelta del latte: alto contenuto di calcio e senza aggiunti. Spesso, i marchi pubblicizzeranno queste due caratteristiche sulla parte anteriore del latte, rendendoci super semplice da scegliere. In alternativa, capovolgi la bottiglia e osserva l’etichetta posteriore: se il calcio non è elencato, significa che non è presente. Il latte biologico avrà spesso un basso contenuto di calcio, poiché si sforzano di essere “privi di additivi” – ma nel complesso, la fortificazione del calcio supera di gran lunga i della certificazione biologica.

Ma quale latte è il migliore? Bene, non esiste una risposta giusta, dipende davvero dalle tue esigenze. Ecco un approfondimento completo sui pro e contro del latte non caseario.

il miglior tipo di latte per te, diversi tipi di latte
Immagine: Unsplash

Il miglior latte non caseario ricco di proteine ​​per ogni situazione
Latte d’avena
Ah, il MVP del mondo del latte a base vegetale. Il latte d’avena è diventato un fenomeno di culto negli ultimi anni, portando persino alla grande carenza di avena del 2018 . È popolare per un motivo: il latte d’avena è il migliore per il caffè, e questo è solo un dato di fatto. Ha una consistenza corposa che è molto simile al latte e si schiude incredibilmente bene. Non ci sono tristi tristi e piatti qui! Il latte di avena ha anche un sapore relativamente neutro, il che significa che il tuo cappuccino non sarà sopraffatto da un retrogusto nocciolato. Non ci sono davvero cattivi usi per il latte d’avena – è un tuttofare.


Il latte di mandorle ha infinite possibilità: versalo sui tuoi cereali, fai un frullato, usalo nella cottura. L’unica area in cui cade, tuttavia, è il caffè. Il latte di mandorle può accartocciarsi alle alte temperature, il che può portare a un caffè molto acido e sgradevole. Ha una consistenza più sottile del latte di avena o di soia, rendendola l’opzione migliore per le che non richiedono una tonnellata di schiuma. È a basso contenuto di grassi e ha un sapore sottile e ricco di noci. Mentre ci sono molte scelte di marca, cerca di evitare le varietà aromatizzate. Il contenuto di mandorle può variare dal 2% al 9%, quindi dai un’occhiata alla bottiglia per vedere dove si trovano i tuoi ranghi preferiti: più mandorle è sempre meglio! Ciò vale anche per altri tipi di latte a base di noci, come l’anacardio e la macadamia.

Latte di soia
La graffetta originale non casearia! Il latte di soia è stata l’unica opzione per il latte vegano per molto tempo, ma da allora è stata oscurata dal nuovo latte più vistoso sul mercato. È nutrizionalmente abbastanza simile al latte e ha una consistenza piacevole e leggermente spessa. Il gusto della soia può variare notevolmente a seconda della marca, ma, come il latte d’avena, è ottimo per la maggior parte degli usi. Può accartocciarsi nel caffè, ma la maggior parte delle caffetterie avrà una varietà barista per evitarlo. Il sapore può essere più pronunciato rispetto alla mandorla o all’avena, quindi evitatelo durante la cottura o la cottura di piatti pesanti.

Latte di riso
Mentre il latte di riso non ha mai raccolto il fascino di massa o il fresco culturale di altro latte, è il mio preferito. Con una consistenza sottile e un gusto leggero e naturalmente dolce, funziona ugualmente bene in avena, frullati o lattine ghiacciate. Ha il più alto contenuto di di qualsiasi latte non caseario ma è anche il più basso contenuto di grassi. Dal momento che ha un basso contenuto di grassi, non è un’ottima scelta per le bevande calde: non si schiumerà e non si tradurrà nella consistenza cremosa del latte tradizionale.

Latte di canapa
Questa è una recente aggiunta alla scena del latte alt e arriva in un momento in cui la canapa è popolare su tutta la linea: nel cibo, nelle bevande, nella cura della pelle. La canapa è un’ottima fonte di proteine , quindi non sorprende che il latte di canapa sia spesso ricco di proteine. Inoltre, è un’ottima fonte di calcio e grassi omega 3: questo è il tipo di grasso che promuove la salute del cuore. Sebbene sia più difficile da trovare rispetto ad altri tipi di latte, il latte di canapa è un’ottima opzione per coloro che cercano di evitare la soia. È più denso della mandorla ma più sottile della soia e potrebbe essere la prossima grande novità nel mondo non caseario.

Con l’industria che continua a crescere alla velocità della luce, sul mercato continueranno ad arrivare più opzioni basate su impianti. Quindi, se non hai ancora trovato il tuo passaggio o sei morto preferito, va bene – il prossimo Oatly potrebbe essere proprio dietro l’angolo.

Fonte : sporteluxe .com