Il mercato europeo degli anacardi è molto concentrato

Tempo di lettura: 3 minuti

I principali importatori, Germania e Paesi Bassi, rappresentano quasi il 60% delle importazioni totali in Europa. Entrambi i paesi sono grandi consumatori di anacardi e sono anche paesi di transito per altre destinazioni europee.

I Paesi Bassi sono un importante snodo per la riesportazione degli anacardi in Europa. I Paesi Bassi riesportano in altri paesi europei circa il 75% (circa 30 mila tonnellate) degli anacardi sgusciati che importa. Queste importazioni arrivano spesso al porto di Rotterdam. Altri porti importanti per gli anacardi sono in Germania e Felixstowe e Tilbury nel Regno Unito.

Il tasso di crescita annuale delle importazioni di numerosi mercati dell’Europa centrale e orientale è stato persino più elevato rispetto all’Europa occidentale dal 2013.

Tali paesi includono la Polonia (crescita del valore delle importazioni annuale del 49%), Repubblica Ceca (31%), Slovacchia (31%) e Bulgaria (34%).

Sebbene il volume delle importazioni dell’Europa centrale e orientale sia molto ridotto rispetto all’Europa occidentale, tali mercati offrono buone opportunità ai nuovi fornitori dei paesi in via di sviluppo a causa della minore concorrenza.

Esempi di importatori e commercianti di anacardi includono Catz International , Seeberger , Kluth , Nutland , Amberwood , Global , Barrow, Lane & Ballard e Freeworld .

Il principale paese in via di sviluppo che fornisce anacardi all’Europa è il Vietnam, seguito dall’India. I Paesi Bassi sono il terzo fornitore più grande, ma riesportano gli anacardi. Nel 2017, il Vietnam ha raggiunto il suo più alto valore di esportazione di anacardi in Europa con 887 milioni di euro, quasi 205 milioni in più rispetto all’anno precedente.

L’Honduras e l’Indonesia hanno inoltre aumentato le loro quote del a tassi di crescita delle esportazioni medie annue rispettivamente del 40% e del 50% negli ultimi cinque anni. Tuttavia, il volume delle esportazioni di questi due paesi è ancora molto ridotto.

I paesi dell’ occidentale, in particolare la Costa d’Avorio, sono importanti fornitori di anacardi in guscio per il Vietnam, l’India e, in misura molto minore, il . Solo il 10% degli anacardi grezzi coltivati ​​in viene lavorato localmente, cioè sgusciato. Ci sono stati molti tentativi di provare a ripristinare questo modello e ad aumentare la percentuale di anacardi sgusciati localmente in .

Nonostante abbiano spesso contato con il sostegno di aiuti allo sviluppo volti ad aumentare il valore delle esportazioni di anacardi in Africa, questi sforzi hanno avuto un successo limitato.

I trasformatori in India presentano in particolare vantaggi significativi rispetto agli sheller africani.

L’India ha un forte mercato nazionale degli anacardi, dove sono prontamente accettati i gradi inferiori, aumentando così il valore complessivo delle vendite. L’Africa nel suo insieme non ha un mercato interno così grande e anche i gradi bassi (rotti, bruciati, piccoli) hanno una domanda inferiore anche in Europa.

L’India ha anche un ambiente molto competitivo per i bombardamenti degli anacardi e la lunga esperienza, entrambi i quali portano a grandi efficienze e rapporti di produzione molto alti di noci intere.

Mentre il sta aumentando in alcuni stati dell’India, in particolare sulla costa occidentale, l’industria si sta adattando spostando il processo di bombardamento verso gli stati con manodopera più economica ad est. Ora che il Vietnam ha la più alta di allevamenti di anacardi nel mondo, la concorrenza nel mercato dei bombardamenti è ulteriormente aumentata.

Si prevede che questo divario competitivo tra gli anacardi africani e asiatici continuerà, ma i principali in India, Vietnam, Cina, Brasile ed aziende europee stanno studiando e investendo in unità di trasformazione su media e grande scala nelle principali aree di produzione africane.

Indipendentemente dal fatto che queste iniziative avranno successo, si prevede che anche l’Africa rimarrà una delle principali origini della crescita degli anacardi e aumenterà la sua partecipazione al mercato.

Tra i 20 principali fornitori esterni di anacardi in Europa, la Guinea ha registrato la crescita annua delle esportazioni più significativa negli ultimi cinque anni con il 170%, seguita da Honduras (50%), Cina (49%), (41%) e Indonesia ( 40%), tutti con quote di mercato molto ridotte.

Fonte :