Il Madagascar aumenta le tasse sui minerali

Tempo di lettura: 1 minuto

Il prevede di aumentare le sue royalties su , , metalli preziosi e dal 2 al al 4%, secondo un progetto di legge sulle per maggiori entrate governative dalle attività minerarie.

Il disegno di legge, visto da Reuters e poi confermato dal ministro delle miniere Fidiniavo Ravokatra in una dichiarazione ai giornalisti, propone anche una partecipazione del governo di almeno il 20% in qualsiasi produzione mineraria commercializzabile.

Le royalties minerarie saliranno all’8% dal 2% per le pietre preziose grezze.

Le pietre industriali ruvide attirerebbero un tasso di royalty del 6% mentre le pietre industriali tagliate verrebbero tassate al 3%.

Il Madagascar ha una delle miniere di nichel più grandi del mondo, gestita da Ambatovy Minerals, che produce anche cobalto.

Il cromo è anche sfruttato industrialmente in Madagascar, insieme all’ilmenite che viene estratto dal QIT Madagascar Minerals di Rio Tinto.

La Repubblica Democratica del , lo scorso anno, ha introdotto un nuovo codice minerario aumentando il tasso di royalty per i metalli preziosi dal 2,5% al ​​3,5%, provocando una protesta dei minatori che vi operano.

Fonte