Il Kurdistan iracheno vieta incantesimo, stregoneria e rimozione dei jinn

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Ministero degli Interni ha istituito un divieto di magia, incantesimo, e rimozione di jinn dai corpi delle persone nella regione del Kurdistan iracheno, secondo una direttiva ufficiale.

In un comunicato del 1 ° dicembre 2019 il ministero ha dichiarato che stava prendendo provvedimenti perché le pratiche hanno un “impatto negativo” sui residenti e ha invitato la direzione generale della polizia a cooperare con il ministero per far rispettare il divieto.

La mossa sembra essere stata motivata da un comunicato separato datato 14 ottobre dal Ministero delle risorse e degli affari religiosi, che ha condannato le pratiche e ha invitato il ministero degli interni ad avviare operazioni congiunte per sradicarle.

Molte persone nel Kurdistan iracheno cercano maghi, che eseguono incantesimi e magie per aiutarli a trovare buona fortuna, o i cosiddetti mullah, specializzati nella rimozione di jinn o creature soprannaturali che entrano nel corpo di una persona e controllano le loro azioni.

Fonte
ekurd.net