Il Kazakistan prevede di costruire un impianto di gas nel campo gigante di Kashagan

Tempo di lettura: 2 minuti

Il costruirà un impianto di trattamento del gas nel più grande giacimento petrolifero della nazione dell’Asia centrale, Kashagan, ha detto un funzionario del governo.
Nurlan Nogayev, che guida il ministero dell’energia del paese, ha rivelato che il governo sta attualmente lavorando con gli appaltatori per progettare una tabella di marcia per la seconda fase dello sviluppo del Kashagan.

Si prevede che la struttura contribuirà a raffinare le dall’ altamente tossico e aggressivo presente nel associato e, di conseguenza, aumenterà la produzione di petrolio greggio.

Secondo i dati del governo, il Kazakistan ha aumentato la produzione di petrolio greggio negli ultimi quattro mesi dell’anno in corso, poiché l’esplorazione e l’estrazione del suo petrolio sono cresciute del 6%, raggiungendo i 31,3 milioni di tonnellate. Kashagan ha prodotto più petrolio greggio di qualsiasi altro campo del Kazakistan, aumentando dell’11,5 percento tra gennaio e aprile 2020.

All’inizio di quest’anno, l’ufficio del Primo Ministro Askar Mamin ha annunciato l’intenzione del governo di costruire la struttura che utilizzerà le materie prime di Kashagan, per aumentare la produzione di petrolio di 12 milioni di tonnellate e creare migliaia di posti di lavoro.

Secondo l’accordo, che è costato alla società kazaka 860 milioni di dollari, l’impianto sarà situato a 12 km a nord-est dell’impianto di trasformazione di petrolio e gas di Bolashak, un’altra struttura impegnata nelle attività di raffineria.

L’impianto di lavorazione del gas, che sarà messo in linea alla fine del 2021, sarà costruito dalla società kazaka GPC Invest. In precedenza, funzionari di Nur-Sultan avevano affermato di aver discusso del progetto con un gruppo di compagnie energetiche globali impegnate nello sviluppo di Kashagan, tra cui Eni, Total, Royal Dutch Shell, Exxon Mobil, CNPC e Inpex.

La struttura soddisferà la domanda dei mercati nazionali ed esteri, secondo i funzionari del settore.

Il Kazakistan è il nono esportatore mondiale di petrolio greggio, con il tre percento delle riserve mondiali di petrolio. Più del 90 percento del petrolio del Kazakistan è concentrato nei suoi 15 maggiori , tra cui Kashagan, Tengiz e Karachaganak.

Situato nella parte settentrionale del vicino ad Atyrau, Kashagan è stato scoperto nel 2000 e oggi è considerata una delle più grandi scoperte del mondo degli ultimi quattro decenni. Si ritiene che il campo gigante contenga tra 9 e 13 miliardi di barili di petrolio greggio, secondo l’operatore del campo.

Kashagan è gestito da una , la North Caspian Operating Company, tra Eni, KazMunayGas, Total, Royal Dutch Shell, Exxon Mobil, CNPC e Inpex dal 1997.

Nel 2016, il primo petrolio offshore nella storia del Kazakistan è stato prodotto commercialmente da Kashagan.

Il petrolio greggio leggero proveniente dal giacimento Kashagan ha un alto contenuto di gas acido (H2S) e (Co2). La sfida particolare di Kashagan è rappresentata dal duro ambiente operativo, che richiede molte più precauzioni e un investimento molto più ampio per gestire i rischi per la .

Nel frattempo, il recente annuncio del ministro dell’energia del Kazakistan è arrivato dopo che il governo ha stretto un blocco dei campi di Tengiz e Karachaganak, per prevenire la diffusione del .

Fonte : caspiannews.com