Il Gruppo BMW avanza con la mobilità elettrica

Tempo di lettura: 4 minuti

Il BMW Group prosegue con il suo programma di sviluppo della mobilità elettrica e sta approfondendo i rapporti commerciali esistenti con i produttori di batterie CATL (Contemporary Amperex Co. Limited) e Samsung SDI.

Il volume dell’ordine CATL originale di quattro miliardi di euro annunciato a metà 2018 sarà ora aumentato a 7,3 miliardi di euro (durata del contratto dal 2020 al 2031), con 4,5 miliardi di euro per il BMW Group e 2,8 miliardi di euro per il sito produttivo cinese della di Shenyang BMW Brilliance Ltd. (BBA).

Il BMW Group è il primo cliente dell’impianto di produzione di batterie di CATL attualmente in costruzione a Erfurt, in Germania. “Abbiamo fortemente supportato e svolto un ruolo attivo nell’insediamento di CATL in Germania”, ha affermato il Dr. Andreas Wendt, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG responsabile della rete di acquisti e fornitori.

Il BMW Group ha anche firmato un contratto di fornitura a lungo termine per il suo sistema di di quinta generazione con il suo secondo fornitore di batterie, Samsung SDI. Il contratto, per un valore di 2,9 miliardi di euro, si estende dal 2021 al 2031. “In questo modo stiamo assicurando il nostro fabbisogno di batterie a lungo termine.

Ogni generazione di cellule viene assegnata in concorrenza globale al produttore leader sia dal punto di vista tecnologico che commerciale. Questo ci assicura di avere sempre accesso alla migliore tecnologia delle celle possibile”, ha annunciato Wendt ad un evento del fornitore oggi a Seoul, in Corea del Sud.

Il BMW Group si approvvigionerà del cobalto necessario come materia prima chiave per la produzione delle celle direttamente dalle miniere in Australia e Marocco e lo metterà a disposizione di CATL e Samsung SDI.

Lo stesso vale per il litio, che BMW Group acquisterà direttamente dalle miniere, anche dall’Australia. Ciò offre all’azienda la massima trasparenza sulla provenienza di entrambe le materie prime.

Il rispetto delle norme ambientali e il rispetto dei diritti umani hanno la massima priorità. Anche la propulsione di quinta generazione del BMW Group dal 2021 in poi sarà prodotta interamente senza l’utilizzo di terre rare. “Ciò significa che non saremo più dipendenti dalla loro disponibilità”, ha spiegato Wendt.

Vasta competenza interna nella tecnologia delle batterie

Il BMW Group possiede una vasta esperienza interna in tutta la catena del valore per la tecnologia delle batterie. La produzione interna di batterie avviene presso negli impianti del BMW Group di Dingolfing (Germania) e Spartanburg (USA) e presso lo stabilimento BBA di Shenyang (Cina). Il BMW Group ha anche localizzato la produzione di batterie in Thailandia e sta lavorando con il gruppo Dräxlmaier in questa area.

Il 14 novembre, l’azienda ha aperto il suo centro di competenza sulle batterie a Monaco. L’obiettivo del centro di competenza è far progredire la tecnologia delle batterie e introdurla nei processi di produzione. La società ha investito un totale di 200 milioni di euro nella sede, che è destinata a creare fino a 200 posti di .

La produzione di prototipi di celle a batteria consente di analizzare e comprendere appieno i processi di creazione del valore della cella. “Se produrremo le celle noi stessi in futuro o meno, dipenderà in gran parte dallo sviluppo del mercato dei fornitori”, secondo Wendt.

Il BMW Group ha formato un consorzio tecnologico congiunto con il produttore svedese di batterie Northvolt e con Umicore, uno sviluppatore belga di materiali per batterie, allo scopo di sviluppare la tecnologia delle celle cruciale per la mobilità elettrica.

La cooperazione si concentrerà sulla creazione di una catena del valore completa e sostenibile per le batterie in Europa, che si estende dallo sviluppo e dalla produzione fino al riciclo.

Il riciclo dei componenti della batteria svolge un ruolo decisivo nel chiudere il ciclo dei materiali il più possibile e nel massimizzare il riutilizzo delle materie prime man mano che aumenta la domanda di batterie.

Il BMW Group è un pioniere della mobilità elettrica – 25 modelli elettrificati entro il 2023.

Entro il 2023, il BMW Group avrà 25 modelli elettrificati nella sua gamma. Questo obiettivo sarà raggiunto tramite l’implementazione di architetture di veicoli flessibili per veicoli completamente elettrici, ibridi plug-in e modelli con motori a combustione che consentono all’azienda di rispondere rapidamente alle mutevoli condizioni del mercato. Più della metà dei 25 modelli sarà completamente elettrica. Il BMW Group raddoppierà le sue vendite di veicoli elettrificati tra il 2019 e il 2021. La società prevede una forte crescita fino al 2025: le vendite globali di veicoli elettrificati dovrebbero aumentare in media di oltre il 30 percento ogni anno. In Europa, l’azienda sta inoltre seguendo un’ambiziosa logica di crescita: l’obiettivo è aumentare la percentuale di veicoli elettrificati nella nuova flotta di veicoli fino a un quarto nel 2021 e un terzo nel 2025; entro il 2030, dovrebbero rappresentare la metà dei volumi di vendita.

Come pioniere della mobilità elettrica, il BMW Group è già un fornitore leader di veicoli elettrificati. Entro la fine del 2019, la società punta a disporre di oltre mezzo milione di veicoli con propulsori ibridi completamente elettrici o plug-in sulle strade. Entro due anni, il BMW Group offrirà cinque veicoli di produzione in serie completamente elettrici: insieme alla BMW i3 *, con oltre 160.000 unità costruite fino ad oggi, quest’anno vedrà l’inizio della produzione della MINI* Full Electric presso lo stabilimento di Oxford. Seguiranno nel 2020 la BMW iX3 completamente elettrica di Shenyang (Cina) e, nel 2021, la BMW iNEXT, che sarà prodotta a Dingolfing e la BMW i4 dello stabilimento di Monaco.

* Dati su consumo ed emissioni:

BMW i3 (120 Ah): consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km; consumo di energia combinato 13,1 kWh / 100 km; Emissioni di CO2 combinate 0 g / km

BMW i3s (120 Ah): consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km; consumo di energia combinato 14,6-14,0 kWh / 100 km; Emissioni di CO2 combinate 0 g / k

MINI Cooper SE: consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km, consumo di energia combinato 16,8-14,8 kWh / 100 km, emissioni di CO2 combinate: 0 g / km

Fonte
BMW Group – Press Office