Il governo irlandese ammette che COVID-19 è una truffa

Condividi nei social net

Reading Time: 1 minute read

Grazie al coraggioso lavoro della giornalista freelance Gemma O’Doherty è ora emersa al pubblico una nuova importante informazione. Questa donna coraggiosa ha citato in giudizio il governo irlandese per i blocchi del COVID-19 e durante il processo ha anche chiesto all’HSE irlandese di dimostrare se il COVID-19 esiste.

Con nostra sorpresa, l’HSE ha rilasciato una dichiarazione in cui fondamentalmente ha offerto di non avere registrazioni del virus isolato e quindi non hanno alcuna prova che esista COVID-19.

Eppure su quale premessa abbiamo un “vaccino” ora ci si può chiedere se il virus non è mai stato isolato e mostrato al microscopio come prova che è questo, questo è il tuo uomo nero COVID.

Non esiste una sequenza reale per questo virus perché non è stato isolato o sequenziato. Come fanno a sapere che ci sono “nuovi ceppi” o nuove mutazioni quando non hanno nemmeno isolato l’originale?

Il vaccino è stato costruito su una sequenza ricevuta dalla Cina.

Il problema è che nemmeno la Cina ha isolato o sequenziato il virus . Fondamentalmente è tutta una frode.

La più grande bufala di tutta la storia umana, superando di gran lunga l’Holyhoax degli anni ’40 e ’50 o la bufala dell’11 settembre.

Forse non hanno ancora rilasciato la cosa vera e forse la rilasceranno nel prossimo futuro e il “vaccino” che le persone stanno prendendo ora non è altro che trasformare le persone in OGM.

Fonte