Il Giappone paga le aziende per spostare la produzione fuori dalla Cina

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Giappone dedicherà più di $ 2,2 miliardi del suo pacchetto di stimolo economico al per incentivare i suoi produttori a spostare la loro produzione fuori dalla Cina.

Il piano di stimolo record prevede $ 2 miliardi per i produttori di trasferire la produzione in Giappone e oltre $ 216 milioni per aiutare le aziende a spostare la produzione in altri paesi.

Le importazioni dalla Cina, il principale partner commerciale del Giappone, sono diminuite di circa il 50% a febbraio, quando le strutture hanno chiuso mentre il coronavirus si è diffuso in tutto il paese.

Una visita di stato in Giappone del presidente cinese Xi Jinping è stata rinviata indefinitamente il mese scorso in mezzo alla pandemia di coronavirus.

“Stiamo facendo del nostro meglio per riprendere lo ”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian mercoledì della decisione del Giappone durante una a Pechino. “In questo processo, speriamo che altri paesi agiscano come la Cina e prendano le misure adeguate per garantire il mondo l’ sarà influenzata il meno possibile e per garantire che le catene di approvvigionamento siano influenzate il meno possibile. ”

– ANNUNCIO PUBBLICITARIO –
I politici in Giappone e negli Stati Uniti, tra gli altri paesi, hanno dato la colpa alla Cina per non aver reagito con forza durante i primi giorni dell’ di coronavirus e aver nascosto la portata della minaccia da altre nazioni. Nonostante i recenti sviluppi, il Giappone ha donato maschere e dispositivi di protezione individuale alla Cina.

“Dallo scoppio dell’epidemia, il governo e il popolo giapponesi ci hanno espresso simpatia, e sostegno nei nostri confronti”, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Hua Chunying, all’inizio di febbraio.

A partire da giovedì, il Giappone ha avuto più di 4.700 casi confermati di coronavirus e almeno 85 decessi per malattia respiratoria.