Il coronavirus ricorda che le malattie sono politiche e biologiche

Tempo di lettura: 2 minuti

L’emergere di una malattia è come il terrorismo, portando a una paura diffusa che oscura la realtà. Il recente scoppio del coronavirus ha provocato la nei confronti di un capro espiatorio e afferma l’ per la propria sovranità dei confini di fronte a una minaccia transnazionale.

Il coronavirus emerso a Wuhan serve a ricordare che le malattie sono sia politiche che biologiche. La tensione tra la Cina e le altre nazioni ha esacerbato l’aspetto politico in aree dal suo risorgente potere navale e il 5G mobile al commercio.

Tuttavia, il coronavirus è un problema di natura globale, che richiede soluzioni politiche basate sulla a livello multinazionale, nazionale e locale, sul libero flusso di informazioni scientifiche tra questi attori.

Ci sono due lezioni che dovrebbero essere ascoltate da questo ultimo focolaio.

In primo luogo, le malattie sono prodotti di come l’ interagisce con l’, sfruttando giungle e foreste dove i virus della fauna selvatica fanno il salto verso gli ospiti umani.

Il secondo è la necessità di combattere la disinformazione, in particolare gli stereotipi orientali del popolo cinese, per prepararsi meglio al prossimo scoppio.

La recente comparsa del coronavirus è inserita in una storia iniziata con l’uomo che entra in stretto contatto con gli animali.

L’addomesticamento del cavallo ha portato il virus responsabile del comune raffreddore a fare il suo primo salto nell’uomo, i polli ci hanno dato varicella, fuoco di Sant’Antonio e “influenza aviaria”, i maiali erano la fonte dell’influenza e dai bovini sono emersi morbillo, vaiolo e tubercolosi.

Questa è la lunga storia della zoonosi o di come le malattie fanno il salto dagli animali all’uomo. Quando un virus fa il salto zoonotico da un animale a un essere umano, quel paziente zero serve come vettore della malattia per l’uomo successivo. Tre quarti delle malattie infettive sono spillover zoonotici.

Nel 21 ° secolo, i nuovi coronavirus hanno fatto un nuovo salto nell’uomo dai pipistrelli , che fungono da serbatoi per i virus zoonotici.

Queste malattie diventeranno più comuni man mano che gli umani sfruttano gli animali e invadono nuovi habitat naturali a causa della deforestazione attiva o della costruzione di strade e ferrovie nelle foreste tropicali, esponendosi ai pipistrelli e ai virus che trasportano.

Saranno necessarie soluzioni politiche da sviluppare in modo pro-attivo per mitigare questa esposizione a livello nazionale e internazionale.

Fonte : trtworld.com