Il CERN amplierà le sue strutture con un’opera dell’architetto Renzo Piano

Tempo di lettura: 1 minuto

L’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN) ha annunciato che l’architetto italiano Renzo Piano progetterà il suo nuovo centro di educazione scientifica e sensibilizzazione alla periferia di Ginevra, chiamato Science Gateway. La nuova struttura, di circa 7.000 metri quadrati, avrà laboratori e sale espositive, oltre a un grande anfiteatro per eventi scientifici e attività pratiche, secondo una dichiarazione dell’organizzazione.

La sua costruzione inizierà nel 2020 e la sua inaugurazione è prevista per il 2022.

“Science Gateway consentirà al CERN di ampliare significativamente la propria offerta formativa e di sensibilizzazione per il pubblico in generale, in particolare per le generazioni più giovani”, ha dichiarato il direttore generale dell’organizzazione, Fabiola Gianotti, alla presentazione del progetto.

Questo, con un costo di 70 milioni di euro (79 milioni di dollari), sarà finanziato attraverso donazioni esterne, principalmente da Fiat Chrysler Automobiles attraverso la sua fondazione.

“È un luogo in cui bambini, studenti, adulti, insegnanti e scienziati si incontreranno”, ha detto l’architetto italiano, che ha fatto riferimento al suo lavoro come “un ponte, nel senso metaforico e reale, e un edificio alimentato dal energia del sole, situata nel mezzo di una foresta “.

Piano, 81, è autore di opere emblematiche come il Centre Pompidou a Parigi, il grattacielo londinese Shard (il più alto del Regno Unito), il Botín Art Center a Santander o l’aeroporto internazionale di Osaka (Giappone).

Fonte: EFE.com