I robot stanno arrivando! Sui nostri marciapiedi, nei nostri cieli…

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel prossimo decennio, i robot entreranno nel mainstream della vendita al dettaglio. Mentre innumerevoli robot lavorano dietro le quinte per immagazzinare scaffali, servire i clienti e consegnare prodotti a portata di mano, la velocità della vendita al dettaglio accelererà. Questi cambiamenti sono già in corso. In questo blog, approfondiremo come i robot stanno entrando nell’ecosistema della vendita al dettaglio.

Immergiamoci.

Consegna di robot
Il 3 agosto Rd , 2016, Pizza Domino ha introdotto robotica Unità del Domino, o “DRU” in breve. Il primo robot per pizza a domicilio, il DRU sembra un incrocio tra R2-D2 e un forno a microonde di grandi dimensioni.

I sensori LIDAR e GPS lo aiutano a navigare, mentre i sensori di temperatura mantengono caldi e freddi gli alimenti caldi. È già stato lanciato in dieci paesi, tra cui Nuova Zelanda, Francia e Germania, ma il suo debutto nell’agosto 2016 è stato fondamentale, poiché era la prima volta che vedevamo la consegna a domicilio robotizzata.

E non sarà l’ultimo.

Una dozzina di robot di consegna diversi stanno rapidamente entrando nel mercato. Starship Technologies, ad esempio, una startup creata dai fondatori di Skype Janus Friis e Ahti Heinla, ha un robot di consegna a domicilio per scopi generici. Al momento, il sistema è una serie di telecamere e sensori GPS, ma i modelli in arrivo includeranno microfoni, altoparlanti e persino la capacità, tramite l’elaborazione del linguaggio naturale basata sull’intelligenza artificiale, di comunicare con i clienti. Dal 2016, Starship ha già effettuato 50.000 consegne in oltre 100 città in 20 paesi.

Analogamente, Nuro, co-fondato da Jiajun Zhu, uno degli ingegneri che hanno contribuito a sviluppare l’auto a guida autonoma di Google, possiede un’auto a guida autonoma in miniatura. Metà delle dimensioni di una berlina, la Nuro sembra un tostapane su ruote, tranne che per una missione. Questo tostapane è stato progettato per trasportare merci – circa 12 sacchi di generi alimentari (la versione 2.0 ne trasporterà 20) – cosa che sta facendo per alcuni negozi Kroger dal 2018. Domino ha anche collaborato con Nuro nel 2019.

Man mano che questi robot delle consegne arrivano nelle nostre strade, altri si avvicinano al cielo.

Nel 2016, Amazon è arrivata prima, annunciando Prime Air, la promessa del gigante dell’e-commerce di consegnare i droni in 30 minuti o meno . Quasi immediatamente, le aziende che vanno da 7-Eleven e Walmart a Google e Alibaba saltarono sul carro.

Mentre i critici rimangono dubbiosi, il capo del dipartimento di integrazione dei droni della FAA ha recentemente affermato che le consegne di droni potrebbero essere “molto più vicine di […] gli scettici pensano. [Le aziende] si stanno preparando per le operazioni in piena regola. Stiamo elaborando le loro domande. Mi piacerebbe muovermi il più velocemente possibile. ”

Entro il 2024, si prevede che il salario minimo negli Stati Uniti sia di $ 15 l’ora (la Camera dei rappresentanti ha già approvato il conto, ma l’aumento dei salari dovrebbe svolgersi gradualmente tra oggi e il 2025), e molti considerano quel numero troppo basso.

Tuttavia, poiché i costi del lavoro umano continuano ad aumentare, i robot non arriveranno semplicemente , saranno qui, lì e ovunque. Diventerà sempre più difficile per i proprietari dei negozi giustificare i lavoratori umani che si ammalano, si presentano tardi e possono facilmente farsi male. I robot funzionano 24-7. Non si prendono mai un giorno libero, non hanno mai bisogno di una pausa bagno, di un’assicurazione sanitaria o di un congedo parentale.

Fonte : singularityhub.com