I robot rappresentano il rischio maggiore per i paesi più poveri

Tempo di lettura: 1 minuto

Negli anni successivi alla caduta del muro di Berlino nel 1989, molti politici occidentali presumevano che la fosse irreversibile e avrebbe portato a un aumento dei redditi per tutti. Nel 2005, l’allora primo ministro britannico Tony Blair ha incapsulato parte di questa visione compiaciuta: “Sento che la gente dice che dobbiamo fermarci e discutere la . Potresti anche discutere se l’autunno dovrebbe seguire l’estate.”

L’esperienza del mondo occidentale nel passato più recente suggerisce che Blair si sbagliasse. La crescita più lenta, una crisi finanziaria e, in alcuni casi, la crescente hanno scatenato una reazione di globalizzazione.

Gli non sembrano più disposti a sponsorizzare le versioni del 21 ° secolo delle istituzioni post-Seconda Guerra Mondiale che hanno contribuito a stabilire le regole internazionali del gioco.

Invece, la Casa Bianca pone maggiormente l’accento su “America First” piuttosto che sulle norme concordate a . Il Congresso, nel frattempo, spera di contenere, piuttosto che impegnarsi, la Cina.

Un risultato è stato l’inizio di una che ora è andata ben oltre uno squalo bilaterale Cina-USA.

Fonte : Supply Chain Brain