I paesi del Golfo hanno sperperato la loro ricchezza petrolifera

Tempo di lettura: 2 minuti

Un rapporto del FMI suggerisce che le monarchie arabe nel potrebbero rimanere senza soldi prima che finiscano il . Il Golfo è stato dotato del più economico e facilmente recuperabile del mondo; molti nel si staranno chiedendo in quale quantità di ricchezza sia stata spesa quella che, in 15 anni, molti stati del Golfo potrebbero tornare alla loro esistenza del boom pre-petrolifero.

Il rapporto cita il calo della domanda di petrolio mentre i paesi consumatori cercano di diversificare dal combustibile che emette carbonio a varianti più sostenibili.

I sei membri del Gulf Cooperation Council, che rappresentano oltre il 25 percento della produzione mondiale di greggio, subirebbero un profondo e duraturo colpo economico perché le loro economie sono così profondamente legate al petrolio.

Inoltre, i paesi del Golfo hanno anche sprecato livelli significativi di ricchezza in un serraglio di progetti di animali domestici, accordi sulle armi, ingerenze negli affari di altri stati e spesso scarsa pianificazione economica.

Negli ultimi 30 anni, gli Stati Uniti e molti altri paesi occidentali hanno venduto centinaia di miliardi di dollari di armi ai paesi del Golfo.

L’esercito saudita, ad esempio, ha faticato a contenere gli Houthi nello anche se hanno speso miliardi per armi ad alta tecnologia. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha suggerito che i sauditi non ” sanno come usare le armi “.

Per decenni, l’, invece di investire nello Yemen e garantire che un vicino stabile e prospero sia preferibile a un povero, ha invece scelto di spendere miliardi assicurando che un paese povero diventi ancora più invivibile. In definitiva, spendere molto più denaro di quanto avrebbe deciso in aiuti allo sviluppo.

Gli nell’agricoltura, nelle e nel turismo egiziani da parte dei paesi del Golfo avrebbero creato posti di lavoro, stabilizzando la situazione politica e fornendo utili sugli investimenti, probabilmente una situazione vantaggiosa per tutti.

Invece, le monarchie del Golfo come gli e l’Arabia Saudita hanno investito miliardi nel garantire una insostenibile in paesi come l’Egitto, quando ha favorito e finanziato il rovesciamento del primo presidente egiziano democraticamente eletto nel 2013.

Fonte