I governi manipolano i social network?

Tempo di lettura: 1 minuto

Sono sempre più numerosi i governi che seguono le orme di e Cina nel manipolare i media e reprimere il dissenso on-line, tendenza che rappresenta una grave minaccia per la democrazia; è quanto risulta da uno studio dell’ong House, “ of the net”. Lo studio, effettuato su 65 Paesi, rileva come una trentina di governi impieghino una qualche forma di per distorcere le informazioni on-line, contro i 23 di un’analoga ricerca effettuata l’anno scorso. Fra le tattiche utilizzate vi sono i commentatori pagati dalle autorità, i “troll”, i “bots” – ovvero gli account automatizzati – falsi siti di notizie e canali di propaganda:

Gentile Utente, dal Gennaio 2020 le notizie in questo sito web saranno di due tipi: notizia e comunicato stampa. La notizia sarà 'flash' cioè corta. Il comunicato stampa sarà pubblicato per intero, comunque a insindacabile giudizio della redazione. Hanno priorità i comunicati di utilità sociale e medica, in particolare se di provenienza enti e istituzioni.