I giornalisti possono usare i robot nella redazione?

Condividi nei social net

La definizione di robot è oscura, ma le aspettative per l’uso di strumenti di intelligenza artificiale nelle organizzazioni giornalistiche sono in aumento. I robot, come gli assistenti personali automatizzati, possono raccogliere informazioni, eseguire azioni, generare contenuti e persino emulare esseri umani, ha affermato Tiff Fehr, un editore interattivo presso il New York Times.

Fehr ha moderato un panel della CAR Conference del 2017 sui robot con John Keefe di Quartz, Ken Schwencke di ProPublica e Simon Rogers di Google.

Come possono i giornalisti interagire con il loro pubblico usando i robot? Come possono usarli per migliorare i loro rapporti? Un esempio di giuristi ha sottolineato è stato il Chatbot politico del New York Times che fornisce aggiornamenti automatici con gli ultimi numeri dei sondaggi elettorali, insieme agli aggiornamenti delle notizie tramite Facebook Messenger .

Quartz ha recentemente lanciato un Bot Studio , con il sostegno della Knight Foundation. È un progetto sperimentale, destinato a costruire strumenti automatizzati per giornalisti e applicazioni per interfacce vocali e di messaggistica.

I robot possono aiutarti a guardare i feed RSS, tenere d’occhio i casi giudiziari e persino vedere le cose prima di tutti gli altri, ha detto Keefe. “Questo tipo di strumento è assolutamente sorprendente”, ha aggiunto, “soprattutto se riesci a trovare cose che nessun altro sta guardando o pensando.”

I membri del panel hanno affermato che i robot possono essere i nostri assistenti digitali e amici robot. Sono programmati per automatizzare le attività di routine dei giornalisti e per fornire risposte efficienti e tempestive alle domande dei giornalisti.

Ma c’è un modo per farli interagire in modo non sollecitato, da soli?

“Non siamo ancora arrivati”, ha detto Keefe ridendo. “E non sono sicuro se vogliamo essere lì.”

Ringrazio il collega Di Dariya Tsyrenzhapova per il testo, da me tradotto in lingua italiana.