I droni assassini sono appena diventati realtà

70310321 - dangerous incident - aircraft passed just near drone and avoided collisions

Tempo di lettura: 1 minuto

L’ ha preso in consegna il primo drone in assoluto con mitragliatrici montate in grado di sparare a un bersaglio a misura di persona a 200 m di distanza. Con un peso di 25 kg e un sollevamento sufficiente per trasportare la mitragliatrice e 200 colpi di , il drone Songar di Asisguard verrà consegnato al governo del paese entro la fine dell’anno.

I sono stati a lungo utilizzati per lanciare esplosivi su bersagli, ma Songar segna una nuova era di armi sospese moralmente ambigue che fino a quel momento erano state tecnicamente poco pratiche.

I ricercatori hanno capito come gestire le forze fisiche mentre i droni interagiscono con gli oggetti fisici – come, ad esempio, un drone riparatore del tetto dotato di una pistola sparachiodi – ma il rinculo di una mitragliatrice farebbe girare la maggior parte dei droni in modo incontrollato.

Songar utilizza telecamere e un telemetro laser per compensare la distanza, l’angolazione e la velocità del vento, mentre un sistema gimbal – concettualmente simile a quelli utilizzati per mantenere droni e costanti le telecamere d’azione – annulla l’effetto del contraccolpo.

Fonte