I 10 paesi più affamati del mondo

Tempo di lettura: 6 minuti

I tassi di fame globali sono aumentati negli ultimi 3 anni, passando da 785 milioni nel 2015 a 822 milioni nel 2018. Lo studio dell’indice globale della fame viene prodotto ogni anno da Concern Worldwide e Welthungerhilfe per scoprire il livello di fame nel mondo.

Nel complesso, il punteggio GHI 2019 mostra che la fame globale è passata da grave a moderata, riflettendo un calo del 31% della fame globale dal 2000.

carestia 2019

Tuttavia, alcuni paesi hanno un tasso di fame più elevato nel 2019 rispetto al 2010.

E nonostante il declino globale, 1 persona su 9 in tutto il mondo sta ancora morendo di fame.

Il conflitto, la disuguaglianza e gli effetti dei stanno contribuendo alla grave carestia. illumination.com condivide 10 paesi con la peggiore crisi della fame nel mondo.

10. Afghanistan
crisi di fame in Afghanistan

L’Afghanistan ha recentemente subito la peggiore siccità degli ultimi decenni, a causa degli effetti di La Niña (fenomeno oceanico).

Nel 2018, ha sperimentato il 70% di precipitazioni, neve e mancanza di precipitazioni, portando al 60% in meno rispetto alla media quinquennale del paese.

Anche se si prevede che l’impatto della siccità diminuirà entro il 2019, il conflitto in corso con il clima e la crisi della ricerca significano che quasi 5 milioni di persone muoiono di fame.

Questo numero rappresenta circa il 14% della popolazione dell’Afghanistan.

Ciò include 4 milioni di afgani che sono privati ​​del cibo a causa di catastrofi naturali. Entro il 2019, 3,6 milioni di persone avranno un livello allarmante di carenza di cibo, con un aumento del 24% rispetto al 2018.

9. Zimbabwe
crisi di fame nello Zimbabwe

La carenza di cibo nello Zimbabwe quest’anno è stata aggravata dalla continua siccità e in alcune regioni, gli effetti del tifone.

Sebbene la siccità abbia contribuito al fallimento di numerose colture, le inondazioni di questi uragani hanno lasciato raccolti nelle aree colpite.

Il paese è ora in uno stato di siccità, che contribuisce a oltre 900.000 tonnellate di carenza di grano e ha lasciato malnutriti 3,6 milioni di persone.

Le Nazioni Unite stimano che il 5,5 milioni o il 59% dei contadini dello Zimbabwe saranno privati ​​del cibo durante il picco della “stagione della fame” da gennaio a marzo.

In confronto, il 59% della popolazione della Malesia è di 18,7 milioni.

8. Timor Est
crisi della fame nell’est orientale

La piccola nazione insulare di Timor Est è uno dei paesi più poveri dell’Asia. Un terzo della popolazione di 1,2 milioni del paese soffre di carenza cronica di cibo.

Sebbene i tassi di crescita stentata dei bambini di età pari o inferiore a 5 anni siano diminuiti negli ultimi 10 anni (dal 58% nel 2009/2010 al 46% nel 2016), questa cifra è ancora elevata come carenze nutrizionali per le donne in età riproduttiva (Dai 15 ai 49 anni).

Le Nazioni Unite propongono che il paese migliori la e l’ delle donne di età compresa tra 15 e 49 anni per uscire dalle catene.

In confronto, un terzo della popolazione della Malesia è di 10,5 milioni di persone.

7. Haiti
crisi della fame in haiti

Haiti ha il più alto tasso di fame nell’emisfero occidentale.

La nazione insulare ha sperimentato una combinazione di instabilità politica e catastrofi naturali tra cui gli effetti del terremoto del 2010 e l’uragano di Matthew del 2016.

All’inizio del 2019, 2,6 milioni di haitiani erano malnutriti, rappresentando circa il 23% della popolazione del paese.

Le Nazioni Unite stimano che la cifra sia più elevata, dato che gli aiuti per la maggior parte della popolazione con carenza alimentare non stanno raggiungendo il loro posto a causa di problemi di sicurezza.

In confronto, il 23% della popolazione della Malesia è di 7,3 milioni di persone.

6. Liberia
la crisi della carenza alimentare in liberia

La Liberia è una nuova aggiunta alla fame del mondo per le nazioni nel 2019, ma questa carenza di cibo è iniziata durante la del 1989-2003.

Negli ultimi due anni, la del paese è stata minacciata dalle continue piogge. K

Circa 1,8 milioni di liberiani sono malnutriti e 2,9 milioni sono malnutriti, oltre il 62% dei liberiani.

E per questo motivo, il 35,5% dei bambini in Liberia soffre di una crescita stentata.

Continuando a riprendersi dagli effetti della guerra civile e dell’epidemia di Ebola, la Liberia è anche tra i paesi più poveri del mondo ed è uno dei 41 paesi che ricevono aiuti esteri.

In confronto, il 62% della popolazione della Malesia è di 19,6 milioni di persone.

5. Zambia
crisi alimentare e idrica in Zambia

Nonostante goda di un lungo periodo di pace e stabilità, i cambiamenti climatici hanno avuto un impatto devastante sulla terraferma dello Zambia, dove la maggior parte degli agricoltori fa affidamento sulla pioggia per coltivare i loro raccolti.

Entro il 2019, molte aree dello Zambia meridionale e occidentale hanno registrato le precipitazioni più basse almeno dal 1981, quando è iniziata la conservazione dei dati nel paese.

Nel frattempo, anche i settori settentrionali e orientali del paese sono stati colpiti da inondazioni improvvise e inondazioni.

Il 40% dei bambini dello Zambia continua a registrare una crescita stentata, una cifra che è rimasta costante negli ultimi anni.

E le Nazioni Unite stimano che il numero di zambiani con carenza cronica di cibo di 1,7 milioni di persone (10,5%) aumenterà a 2,3 milioni entro marzo 2020.

Per fare un confronto, il 10,5% della popolazione della Malesia è di 3,32 milioni.

4. Madagascar
crisi della fame in Madagascar

Ogni anno, il Madagascar è colpito da una media di 1,5 uragani, il più alto del continente africano.

Entro il 2019, il paese vedrà gli effetti dell’uragano Idai a marzo e dell’uragano Kenneth ad aprile.

Come la maggior parte dei paesi più affamati del mondo quest’anno, questa inondazione estrema è come una lunga siccità.

Entrambi questi fattori rappresentano quasi la metà di tutte le aree del paese classificate come insicurezza alimentare cronica.

A partire da ottobre 2019, le Nazioni Unite stimano che oltre 730.000 Madagascar stanno affrontando carenze alimentari, tra cui oltre 134.500 in caso di insicurezza alimentare.

Questi numeri possono essere piccoli, ma rappresentano il 21% della popolazione totale del paese.

Entro la fine dell’anno, le Nazioni Unite stimano che il numero aumenterà a oltre 916.000 o il 26% della popolazione.

Inoltre, oltre 188.550 bambini soffrono di nutrizione acuta.

In confronto, il 21% della popolazione della Malesia è di 6,6 milioni.

3. Ciad
la moglie e suo figlio

(Khamissa Ibrahim ha 32 anni, ha 6 figli e ha 6 mesi. Il sostegno preoccupato ha giovato al villaggio di Doroti, Khamissa, che ha ridotto la prevalenza di malattie nei bambini e negli adulti nella media nazionale. cibo tra donne e bambini Foto: Lucy Bloxham / Preoccupazione in tutto il mondo)

Parte della regione del Sahel nell’, il Ciad sta affrontando continue siccità e piogge senza precedenti che hanno causato crisi nell’area.

La carenza di cibo causata da questo disastro naturale è peggiorata con l’afflusso di dalla Nigeria, dal Sudan e dalla Repubblica centrafricana, che avevano tutti bisogno di d’.

Quasi 3,7 (23%) milioni di Chadis stanno morendo di fame, con un aumento del 29% dal 2018.

Anche il numero di bambini che soffrono di abuso di sostanze è aumentato da 220.000 l’anno scorso a 350.000 nel 2019.

In confronto, il 23% della popolazione della Malesia è di 7,3 milioni di persone.

2. Yemen
crisi di fame nello yemen

Lo Yemen è in preda a un conflitto brutale che è attualmente in prima linea nella peggiore crisi umanitaria del mondo.

La scarsità di cibo è aumentata lo scorso anno, con oltre 20 milioni di persone (71%) affamate a livello nazionale e, di conseguenza, 10 milioni di persone (35%) hanno sofferto di fame grave.

Si stima che 7,4 milioni di yemeniti abbiano bisogno di carenze nutrizionali, tra cui 2 milioni di bambini con problemi nutrizionali cronici.

Queste cifre hanno portato le Nazioni Unite a dichiarare lo Yemen come la peggiore crisi di carenza alimentare del mondo e la sua causa principale è il conflitto.

In confronto, il 71% della popolazione della Malesia è di 22,5 milioni di persone.

1. Repubblica centrafricana
crisi della scarsità di cibo nella repubblica centrafricana

Sebbene lo Yemen sia ora il luogo della più grande crisi di carenza alimentare del mondo, la Repubblica Centrafricana rimane in cima alla sua lista come “la nazione più affamata del mondo”.

Uno dei paesi più poveri del mondo, la repubblica ha vissuto instabilità, violenza etnica e conflitti dal 2012.

Questi problemi hanno interrotto la produzione alimentare e hanno reso il 63% della popolazione bisognosa di .

crisi di fame della repubblica centrafricana

Ciò include 2,1 milioni di persone (46% della popolazione) che soffrono di carenza di cibo, un aumento del 10% rispetto allo scorso anno.

Secondo le Nazioni Unite, l’attuale livello di consumo alimentare nella Repubblica centrafricana è il secondo più basso al mondo, appena dietro il livello registrato anche nel 2016 dal paese.

In confronto, il 63% della popolazione della Malesia è di 19,9 milioni di persone.

La Malesia è un paese dotato di molti favori tra cui terra fertile per le colture e clima perfetto per il bestiame.

Tuttavia, molti di noi non sono grati per questo dono di sprecare cibo.

Secondo Azrina Sobian, Facoltà di Scienze e Centro di studi ambientali dell’Istituto malese di comprensione islamica (IKIM), le famiglie in Malesia contribuiscono in modo determinante al totale delle 16.650 tonnellate di rifiuti alimentari nel paese, OGNI GIORNO .

Questo è il più alto con il 38%, rispetto al mercato umido con il 24%, i ristoranti con il 23% e gli hotel il 7%. L’autore esorta tutti a non sprecare e anche ad aiutare gli affamati.

In effetti, il Vice Primo Ministro della Malesia ha affermato che la legge sui rifiuti alimentari sarebbe stata adottata dopo che fosse stato completato uno studio approfondito delle sue esigenze, a seguito del fatto che i malesi consumavano in media 1 chilogrammo di cibo al giorno.

Fonte : iluminasi.com