Guerra nucleare per Russia e America?

Tempo di lettura: 6 minuti

La scorsa settimana delegazioni statunitensi e russe si sono incontrate a Ginevra per discutere del controllo degli . Dimitri A. Simes, un collaboratore di National Interest, ha parlato con Viktor Murakhovsky, un colonnello russo in pensione, analista della difesa e caporedattore dell’Arsenal della rivista Fatherland, per ottenere una migliore prospettiva russa sul futuro delle controllo. Murakhovsky è ampiamente considerato in Russia come un grande esperto militare ed è spesso citato dai media russi.

La seguente trascrizione della loro conversazione è stata leggermente modificata per la lunghezza.

Dimitri A. Simes: Lo scorso autunno, il presidente Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti usciranno dal trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF). Più recentemente, il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha dichiarato che Washington non è sicura se estenderà il trattato New START. Come ha reagito a questi sviluppi?

Viktor Murakhovsky: Non parlerò a nome di tutta Mosca, quindi spiegherò solo la mia analisi personale. A mio avviso, il trattato INF è stato concluso in circostanze molto particolari. Durante quel periodo, i erano praticamente l’unico tipo di missili a raggio intermedio: i missili da crociera stavano solo iniziando a svilupparsi. Per tale motivo, esisteva una minaccia che il tempo di volo dalla Repubblica federale di Germania verso la parte occidentale dell’Unione Sovietica fosse dai dodici ai quindici minuti. Se si considerano i componenti tecnici del trattato, si è concentrato sul divieto di sviluppare a raggio intermedio e sulla liquidazione di quella classe di armi.

Da allora la situazione tecnico-militare è cambiata in modo significativo. Se parliamo ora degli Stati Uniti e della Russia, i missili primari a portata intermedia sono missili da crociera a base aerea e marittima. Per la Russia in questo momento, considerando che i paesi della NATO ora la confinano – sto parlando ovviamente degli Stati baltici e della Polonia – non fa assolutamente alcuna differenza se i missili da crociera siano basati su terra, mare o aria. In questo senso, lo scopo del trattato per la Russia, che stava riducendo la minaccia di un improvviso attacco da parte di missili a raggio intermedio, è ora completamente sparito.

Allo stesso tempo, c’è stato lo sviluppo della tecnologia dei droni. Se osserviamo la linea di droni negli Stati Uniti, vedremo droni di sorveglianza strategica e droni che operativamente possono eseguire la raccolta di informazioni e fornire attacchi. Ai sensi della lettera del [trattato INF] relativa ai missili da crociera, i droni rientrano indubbiamente in tale ambito. La Russia attualmente non dispone di tali armi e, a mio avviso, sollevare lamentele con gli Stati Uniti su questa domanda sarebbe assolutamente stupido. Nessuno taglierà o eliminerà questa classe di armamenti.

Per questi motivi, lo scopo del trattato INF è scomparso da un punto di vista tecnico-militare con lo sviluppo di nuovi armamenti e da un punto di vista politico con l’espansione della NATO ai della Russia. Ad esempio, se gli Stati Uniti mettono un cacciatorpediniere nelle acque dell’Estonia, un’azione che non violerebbe il trattato, il tempo di volo dei suoi missili da crociera a San Pietroburgo sarà dai dieci ai quindici minuti.

Pertanto, il trattato è morto. Dobbiamo seppellire e dimenticarcene. Ora c’è una situazione e militare completamente diversa. Ora abbiamo nuovi sistemi di armamenti che il trattato non affronta.

Penso che alcune delle iniziative che sono state annunciate pubblicamente dagli Stati Uniti, che in futuro sarebbe possibile raggiungere un nuovo accordo, ma questa volta anche con la partecipazione della Cina, non hanno prospettive reali. La Cina non ne parlerà nemmeno e rifiuta qualsiasi sforzo per porre restrizioni alle sue armi offensive strategiche o ai suoi missili intermedi e di breve raggio.

Simes: Quando ho chiesto ad altri analisti russi della recente proposta di controllo degli armamenti di Trump, hanno espresso la che potrebbe essere un pretesto cinico ottenere copertura per uscire dal trattato di New START o guidare un cuneo tra Russia e Cina? Hai una valutazione simile?

Murakhovsky: Penso che la proposta sia totalmente irrealizzabile, non so con quale obiettivo sia stata fatta. Per quanto riguarda la guida di un cuneo tra Russia e Cina, questa proposta non ha alcun impatto su di essa.

Per quanto riguarda il nuovo trattato START, è risaputo che molti esponenti dell’establishment americano, e alcuni dei consulenti politici di Trump ritengono che questo accordo sia anche superfluo. Il loro punto di vista è: “Lascia che ogni paese faccia nel regno delle armi offensive strategiche tutto ciò che vuole, perché nessuno otterrà un vantaggio così assoluto da poter schiacciare unilateralmente un avversario senza un colpo di rappresaglia”. Da un punto di vista tecnico militare, questo è una posizione con cui sarei davvero d’accordo.

Il fatto è che nel caso di un strategico che coinvolge armi nucleari intercontinentali, non farà molta differenza per le due parti il ​​numero di lanciatori utilizzati, il numero di testate nucleari. In questo momento, il trattato fissa il limite a 800 lanciatori – se una parte ha 1500 lanciatori, ciò non cambia affatto il risultato.

Tutto questo parlare di scioperi di decapitazione o di sciopero della controforza è solo un esercizio intellettuale patologico, che ha ben poco a che fare con i piani di attuazione del combattimento nel mondo reale, con lo spiegamento delle forze armate nel mondo reale e con il modo in cui le guerre sono preparate per, iniziare e combattuta.

Il presidente Trump o il presidente Ivanov non si sveglieranno solo una mattina dalla parte sbagliata del letto e decideranno di premere il grosso pulsante rosso. Questo non succede. Schierare forze armate e preparare attacchi contro un avversario richiede molto tempo. Nascondere tale preparazione è assolutamente impossibile. Per questo motivo, anche se il trattato New START cesserà di esistere, il mondo non si capovolgerà.

Allo stesso tempo, credo che un simile trattato sia estremamente importante da un punto di vista politico perché è effettivamente l’unico strumento oggi che consente alle due parti di ispezionarsi a vicenda e crea un certo livello di fiducia: la fiducia che nessuno lo sia sviluppare insidiosamente materiale nucleare aggiuntivo in alcuni scantinati, in modo che i dati scambiati dalle due parti corrispondano alla realtà. Questo trattato ha tutta una serie di conseguenze quando si tratta di fiducia.

Simes: Quindi, ho ragione nel pensare che non condividi la preoccupazione di molti analisti a Washington che se il Trattato INF dovesse passare e poi il Nuovo Trattato START dovesse cadere, potremmo vedere una nuova corsa agli armamenti tra la Russia e il Stati Uniti?

Murakhovsky: Non penso che ce ne sarà uno, non ha senso. Capisco di cosa stanno parlando questi analisti, sono preoccupati per una corsa agli armamenti quantitativa, cosa ho detto in precedenza su entrambe le parti che aumentano i loro lanciatori e testate nucleari. Tuttavia, devo ripetere che un tale aumento non ha senso militare.
Crea uno sfondo per il dialogo tra i rappresentanti dei due presidenti. Sanno che se la tua controparte rispetta l’accordo, allora puoi credere alle parole della tua controparte: se dice qualcosa, lo è. Quando un tale background è assente, cioè quando non ci sono accordi verificabili sul controllo degli armamenti, allora fidarsi dell’altra parte diventa sempre più difficile, anche nei negoziati su altri argomenti.

Pertanto, da un punto di vista politico questo accordo è ovviamente molto importante, ma da un punto di vista tecnico-militare: se smetterà di esistere non accadrà nulla di fatalmente spaventoso.

Su questo tema, la posizione della Cina mi sembra abbastanza razionale. Attualmente ha le capacità finanziarie e tecniche per schierare un arsenale nucleare paragonabile al livello di quello che hanno ora gli Stati Uniti e la Russia. Ma non lo fa e non ha in programma di farlo. Invece, ha scelto di mantenere semplicemente un arsenale nucleare al livello che ritiene sufficiente a dare un colpo inaccettabilmente costoso a un potenziale avversario. Non ci sono segni che la Cina entri in una corsa agli armamenti nucleari quantitativa perché una tale razza ha completamente perso il suo scopo.

Naturalmente, la concorrenza nel campo della tecnologia militare continuerà. Un chiaro esempio di ciò è l’introduzione da parte della Russia di missili ipersonici Avangard. Allo stesso tempo, bisogna capire che queste tecnologie non sono nate improvvisamente ieri. Queste tecnologie sono state sviluppate per diversi decenni, a partire dall’Unione Sovietica negli anni ’80.

Gli Stati Uniti alla fine acquisiranno questa tecnologia? Non ne dubito. Con l’attuale livello di finanziamento e impegno, ci sono abbastanza aziende nel complesso militare-industriale che sono in grado di realizzare la propria versione di questa tecnologia.

Questo distruggerà la stabilità strategica? No, non sarà perché si tratta di “armi del giorno del giudizio”, come si suol dire, e garantiscono uno sciopero di ritorsione sotto qualsiasi sviluppo di un sistema di difesa missilistica. Queste armi possono essere usate per i primi colpi decapitanti? Certo che no, perché la gamma di forze armate nucleari strategiche include altri mezzi di risposta come sottomarini, e così via.

Alcuni analisti dicono degli attacchi contro la forza: “Solo il 15 percento dei missili e il 20 percento delle testate nucleari raggiungeranno il territorio dell’avversario”. Ho sempre voluto chiedere loro: “Hai mai visto con i tuoi occhi persone morte i cui corpi hanno è stato fatto a pezzi per essere così preoccupato se muoiono dai 5 ai 7 milioni di persone invece che dai cinquanta ai settanta milioni? ”Nel mondo reale, tali calcoli non vengono effettuati.

Pertanto, per ribadire, penso che anche se il nuovo trattato START non verrà esteso, nulla di catastrofico accadrà nella sfera tecnico-militare. Ma accadrà qualcosa di catastrofico per la fiducia politico-militare tra Stati Uniti e Russia. La situazione in quest’area è già molto difficile e non farà che peggiorare.

Fonti
nationalinterest.org
112.international