Gruppo sanguigno e Covid-19

Tempo di lettura: 2 minuti

Le persone con gruppo sanguigno A hanno un rischio significativamente più elevato per attivare il virus rispetto ai gruppi sanguigni non A, mentre il gruppo sanguigno O ha un rischio significativamente più basso per l’infezione rispetto ai gruppi sanguigni non O”; questo è quanto ha riferito uno studio cinese.

La ricerca non è stata sottoposta a revisione paritaria, il che significa che la sua metodologia non è stata completamente controllata, secondo il South China Morning Post.

La ricerca ha scoperto che le persone con di tipo A presentavano sintomi più gravi, rispetto alle persone con di tipo O dopo l’infezione.

“Le persone del gruppo sanguigno A potrebbero aver bisogno di una protezione personale particolarmente rafforzata per ridurre la possibilità di infezione”, ha detto lo studio.

La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori cinesi guidati da Wang Xinghuan con il Center for Evidence Based and Translational Medicine presso l’ospedale Zhongnan dell’Università di Wuhan.

In questo video su Byoblù, il dottor Morozzi esorta ad una alimentazione corretta per avere difese immuniarie adeguate e proteggersi dalle patologie infiammatorie.

Lo studio cinese, che ha usato il termine “Sars-CoV-2” per descrivere il virus, ha sottolineato che “i infetti con gruppo sanguigno A potrebbero aver bisogno di ricevere una più vigile e un trattamento aggressivo”.

Al contrario, ha detto, “il gruppo sanguigno O ha avuto un rischio significativamente più basso per la rispetto ai gruppi sanguigni non O”.

“Potrebbe essere utile introdurre la tipizzazione del sangue ABO sia nei pazienti che nel personale medico come parte ordinaria della gestione di Sars-CoV-2 e altre infezioni da , per aiutare a definire le opzioni di gestione e valutare i livelli di esposizione al rischio delle persone”, ha scritto Wang.

Lo studio ha campionato 206 pazienti che erano morti a causa del virus a Wuhan. Di questi, 85 avevano sangue di tipo A e 52 avevano sangue di tipo O.

Gao Yingdai, un ricercatore del State Key Laboratory of Experimental Hematology, ha affermato che la ricerca potrebbe essere un pezzo dell’eventuale enigma medico, ma ha messo in guardia dal leggere troppo in uno studio.

“Se sei di tipo A, non è necessario farti prendere dal panico. Ciò non significa che sarai infettato al 100% “, ha detto.

“Se sei di tipo O, non significa nemmeno che sei assolutamente al sicuro. Devi ancora lavarti le mani e seguire le linee guida emesse dalle autorità. ”

Fonti varie