Gli Stati Uniti stanno pianificando sequestro petroliere iraniane verso Venezuela?

Tempo di lettura: 1 minuto

L’amministrazione ha intensificato le pressioni sugli armatori affinché rispettino le contro avversari statunitensi come Iran, e Corea del Nord. A maggio 2020, ha pubblicato un avviso che esortava l’industria marittima globale a cercare tattiche per eludere sanzioni come pericolosi , da nave a nave, e lo spegnimento di dispositivi di localizzazione obbligatori – entrambe le tecniche utilizzate nelle recenti consegne di petrolio da e verso entrambi Iran e .

Il Dipartimento del Tesoro degli ha revocato le sanzioni su otto navi che recentemente sono state trovate per il di venezuelano.

La mossa ha seguito un tentativo di asta da parte di commissari federali a Houston di 100.000 barili di , sequestrati da una nave a gestione greca, il cui proprietario sospettava che il carico fosse diretto verso il Venezuela. Nessuna delle cinque parti all’asta ha accettato l’offerta minima di $ 2,5 milioni.

Mentre i commercianti commerciali evitano sempre più il Venezuela, il governo socialista di si rivolge all’Iran.

Maduro ha celebrato l’arrivo di cinque iraniane che consegnavano rifornimenti di carburante, necessari per alleviare le carenze che hanno portato a gasdotti lunghi giorni anche nella capitale, Caracas, che normalmente viene risparmiata da tali difficoltà.

Nonostante si trovi in ​​cima alle maggiori riserve di greggio del mondo, il Venezuela non produce abbastanza benzina raffinata a livello nazionale e ha visto la sua produzione complessiva di greggio scendere al minimo degli ultimi sette decenni, a causa della crisi in corso e delle ricadute delle sanzioni statunitensi.