Gli Stati Uniti cercano impedire alla Turchia invadere Siria settentrionale

Tempo di lettura: 2 minuti

La ha lanciato un tentativo finale lunedì per impedire alla di invadere la Siria settentrionale con la speranza che prospererà nelle prossime due settimane. Per questo, una delegazione statunitense è arrivata ad Ankara per riattivare i negoziati per stabilire una zona di sicurezza sotto il controllo turco nell’area.

Lo ha riferito il turco, poche ore dopo aver minacciato un intervento militare nella regione.

“I colloqui con le autorità militari statunitensi per stabilire una zona sicura coordinata nel nord della Siria sono iniziati oggi alle 10:00 (7:00 GMT) presso il Ministero della Difesa ad Ankara”, ha detto nel suo account Twitter ufficiale .

L’annuncio è arrivato nello stesso momento in cui decine di migliaia di militari turchi si sono radunati vicino al confine. Ankara e Washington riprendono così i negoziati svoltisi il 22 e 23 luglio, quando l’inviato speciale degli per la Siria, James Jeffrey, si incontrò nella capitale turca con il ministro della Difesa Hulusi Akar, senza raggiungere un accordo.

Questo nuovo tentativo tenta di ammorbidire la disputa tra i due paesi alleati della NATO per il sostegno degli Stati Uniti, ai combattenti curdi che combattono contro lo .

La Turchia li considera una minaccia terroristica per la propria sicurezza. La proposta comprende un’operazione militare statunitense congiunta, e la Turchia per proteggere una striscia meridionale del confine tra Siria e Turchia di 32 chilometri sotto il controllo delle unità di protezione popolare delle milizie curde (YPG).

Ore dopo questo annuncio, l’esercito siriano ha annunciato la fine della tregua decretata giovedì scorso a Idlib, nel nord-ovest del paese, considerando che le fazioni armate alleate della Turchia non hanno rispettato l’accordo e Ankara ha permesso loro di continuare gli attacchi contro la popolazione.

Da parte sua, l’Iran ha colto l’occasione per aumentare la pressione sugli Stati Uniti. dubitando della sua potenza militare mondiale.

Il iraniano Mohamad Yavad ha dichiarato che il suo rivale non è in grado di formare una coalizione per scortare petroliere nel , dove le provocazioni tra i due paesi sono aumentate dallo scorso maggio.

Washington cerca di creare una coalizione navale, ma i suoi alleati resistono per paura di scatenare un nella regione.

Fonte
ESPERANZA BALAGUER
lavozdegalicia.es