Gli sport possono aiutare i bambini ad adattarsi nella società

Tempo di lettura: 3 minuti

Un nuovo studio rileva che i che intraprendono organizzata in giovane età hanno meno probabilità di avere difficoltà emotive nel momento in cui compiono 12 anni. “Gli anni della scuola elementare sono un momento critico nello del bambino”, ha detto Frédéric N. Brière, professore universitario di Montréal di psicopedagogia che ha diretto lo studio, pubblicato questo mese su Pediatric Research .

“E ogni genitore vuole allevare un bambino ben adattato.”

Oltre a impedire ai bambini di essere sedentari, le attività fisiche come gli strutturati hanno il potenziale per arricchire sia fisicamente che mentalmente, ritiene Brière, qualcosa che i sembrano sapere istintivamente.

Lo studio ha testato quella logica intuitiva con una grande rappresentativa di bambini canadesi in genere in via di sviluppo.

“Abbiamo seguito una coorte di nascita nel tempo per esaminare se una partecipazione consistente nello sport organizzato dai 6 ai 10 anni minimizzasse i rischi associati a disagio emotivo, ansia, timidezza, ritiro sociale all’età di 12 anni”, ha affermato Brière. “Il nostro obiettivo era quello di testare questa domanda nel modo più critico possibile eliminando condizioni preesistenti di bambino o che potrebbero offrire una spiegazione alternativa.”

Per fare questo, Brière e il suo team alla School of Psycho-Education dell’UdeM hanno esaminato i dati di una coorte di bambini nati nel 1997 o 1998 che fanno parte dello studio longitudinale del Quebec sullo sviluppo infantile coordinato dall’Institut de la Statistique du Québec. Dai 6 ai 10 anni, le madri hanno riferito se il loro bambino ha partecipato all’attività fisica organizzata. All’età di 12 anni, gli insegnanti hanno riferito sui livelli del bambino di disagio emotivo, ansia, timidezza e ritiro sociale a scuola.

“I risultati hanno rivelato che i bambini che hanno partecipato in modo coerente dai 6 ai 10 anni hanno mostrato meno casi di questi fattori all’età di 12 anni rispetto ai loro colleghi che non hanno svolto attività fisica in modo coerente”, ha detto Brière. “Abbiamo trovato questi al di sopra e al di là delle caratteristiche individuali e preesistenti.”

La sua conclusione: “Coinvolgere i bambini attivamente nello sport organizzato sembra promuovere lo sviluppo globale.Questo coinvolgimento sembra essere buono a livello socio-emotivo e non solo a causa di benefici fisici.Essere meno afflitti emotivamente nella congiuntura tra scuola elementare e scuola superiore è un vantaggio inestimabile per i bambini, che stanno per entrare in un universo molto più grande con sfide accademiche più grandi: questa ricerca supporta le attuali linee guida dei genitori che promuovono il coinvolgimento dei bambini nell’attività fisica “.

###

A proposito dello studio

“La partecipazione consistente all’attività fisica organica perdona l’adattamento emotivo nei bambini”, di Frédéric N. Brière, Arianne Imbeault, Gary Goldfield e Linda S. Pagani è stato pubblicato nel numero di maggio di Pediatric Research . Brière e Pagani sono professori all’École de psychoéducation dell’Université de Montréal; Imbeault sta studiando sotto la supervisione di Brière. Goldfield è un professore associato di pediatria presso l’Università di Ottawa e scienziato senior presso il ’s Hospital dell’est Ontario Research Institute.

Lo studio è stato supportato da una sovvenzione SSHRC (SSHRC-435? 2017? 0784) concessa a Brière come investigatore principale. Finanziamenti supplementari della Fondation Lucie et André Chagnon, l’Institut de la Statistique du Québec, il Ministère de l’Éducation et de l’Enseignement supérieur (MEES), il Ministère de la Famille (MF), l’ Robert-Sauvé en santé et en sécurité du travail (IRSST), il Centre hospitalier universitaire Sainte-Justine e il Ministère de la Santé et des Services sociaux du Québec (MSSS).

I dati sono stati compilati dal master file finale ‘E1-E20’ del Quebec Longitudinal Study of Child Development (1998-2017).

Fonte