Gli esperti dubitano dei piani di emergenza di Huawei dopo essere entrati nella lista nera degli Stati Uniti

Tempo di lettura: 2 minuti

Il governo di ha incluso Huawei in una lista nera commerciale, con restrizioni che ostacolano il produttore cinese delle reti di telecomunicazione sui rapporti commerciali con imprese americane; questo provvedimento conseguente ad evitare una minaccia per la nazionale.

Il capo di HiSilicon, la divisione chip di Huawei, ha ignorato le preoccupazioni per le interruzioni delle forniture e ha detto che si sta preparando per questo tipo di “scenario estremo” per qualche tempo.

Gli esperti di chip mettono però in discussione le affermazioni di Huawei secondo cui potrebbe assicurare una catena di approvvigionamento stabile, senza l’aiuto degli , perché l’azienda cinese acquista la da statunitensi, “difficilmente sostituibili”.

Huawei cercherà di essere tecnologicamente “autosufficiente” in futuro, ha detto He Tingbo in una lettera ai lavoratori.

Tuttavia, gli esperti del settore ritengono che sia più facile a dirsi che a farsi.

“Sarei sorpreso se HiSilicon potesse farlo senza alcun fornitore americano”, ha affermato Linda Sui, analista di Strategy Analytics.

Una fonte riservata, residente in , in una società di tecnologia statunitense, ha detto a Reuters che nessuno dei suoi fornitori statunitensi “può essere sostituito da uno cinese, almeno per gli anni a venire”.

Come esempio della dipendenza di Huawei dalle società statunitensi, un esperto ha notato l’alta probabilità che l’azienda utilizzi il di progettazione di chip dei leader di mercato Cadence Design Systems Inc e Synopsys Inc.

Si ritiene che il software delle aziende americane abbia una qualità massima ed è utilizzato dai produttori di tutto il mondo per perfezionare i progetti dei loro chip e testarli prima di convertirli in silicio fisico, dove un singolo errore può ritardare un chip per mesi.

CHIPS E LASER

Huawei dipende anche da fornitori americani di laser e moduli specializzati come NeoPhotonics, Lumentum e Finisar.

I laser, che sono utilizzati per inviare sotto forma di segnali luminosi attraverso cavi in ​​fibra ottica, sono fondamentali per il delle apparecchiature di rete di telecomunicazione che Huawei è leader in tutto il mondo.

Aziende come Finisar – che viene acquistata da II-VI Inc. – e Lumentum hanno dedicato decenni di lavoro per essere in grado di fabbricare laser in grandi volumi, ha detto Philip Gadd, un dirigente in pensione che un tempo dirigeva la divisione di fotonica del silicio di Intel.

“Anche se i cinesi potessero farlo, non credo che possano raggiungere quella scala”, ha detto.

Huawei ha cercato di sviluppare le proprie capacità in questo settore, in parte attraverso l’acquisto di un ex British Telecom nel 2012 e l’avvio della venture Caliopa nel 2012.

“I cinesi hanno optato per il percorso delle acquisizioni”, ha detto un dirigente della fotonica del silicio. “Hanno comprato tutto ciò che potevano. Molte delle restrizioni (dal governo degli Stati Uniti) sono arrivate troppo tardi. ”

Tuttavia, Huawei si affida alle cosiddette “fonderie” di chip, in particolare Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd (TSMC), per il complesso compito di produrre fisicamente i chip che progetta. È una pratica comune nel settore, sebbene aziende come Finisar producano ancora le proprie chips.

Huawei è stata una parte fondamentale della spinta della Cina a sviluppare le proprie capacità di chip e ridurre la dipendenza dalle importazioni da aziende come Qualcomm, Intel e Samsung Electronics.

L’azienda asiatica ha prodotto chip per un valore di oltre $ 7,5 miliardi lo scorso anno, ha detto a Reuters il suo presidente rotante, Eric Xu. Questa cifra viene confrontata con acquisti da fornitori esterni stimati in 21.000 milioni di dollari.

Fonte
Reuters