Gli asiatici adorano la quota Daimler: è tempo di rivalutare?

Tempo di lettura: 2 minuti

Sotto Dieter Zetsche, ha realizzato record e pagato buoni dividendi, ma il titolo non ha fatto molti progressi da anni. Dopo i massimi intermedi del 2015, la tendenza è persino chiaramente in calo. Con , una nuova era nella società di lunga data sta guadagnando slancio e gli investitori asiatici sembrano fidarsi molto di lui.

Ora Daimler ha riportato una volta una perdita e presentato numeri stagnanti, poiché tutto il mondo sta già parlando della grande crisi.

D’altra parte, si può parlare poco di una vera crisi, poiché nel terzo trimestre è stato nuovamente riportato un utile netto di € 1,8 miliardi e la maggior parte delle altre figure chiave ha indicato anche la giusta direzione. Questo è un buon modo di vivere.

Il fedele investitore a lungo termine Kuwait e Geely Holding con il partner BAIC hanno aderito di recente e potrebbe persino voler aumentare la loro quota. Ciononostante, alla fine di novembre, il titolo si dimenava intorno al segno di € 50 e rimaneva ben al di sotto del valore contabile.

Gli investitori domestici sembrano essere molto meno fiduciosi delle loro controparti in Estremo Oriente e Medio Oriente. Questo pessimismo potrebbe essere esagerato e quindi una grande opportunità per fare acquisti.

Daimler ha dovuto investire miliardi di dollari in cose che non avrebbero prodotto a breve termine. Questi includono l’ampia ricerca sui veicoli autonomi, dozzine di argomenti nell’area dell’elettrificazione dei veicoli e lo sviluppo di servizi di mobilità. Finora nulla di tutto ciò si è sviluppato in un’importante fonte di entrate, sebbene, ad esempio, la cella a combustibile sia stata studiata per decenni.

Inoltre, ci sono una varietà di investimenti per difendere la leadership tecnologica, costruire l’alfabetizzazione digitale o rafforzare la portata. Più recentemente, la divisione Truck ha incorporato Torc Robotics, lo specialista dell’autonomia dei veicoli.

In precedenza, gli investimenti includevano materiali per batterie, e-commerce, app per la mobilità e un produttore di autobus elettrici, nonché joint venture ambiziose come HERE, Ionity, ChargePoint e YourNow.

Ancora una volta, da qui sono fluiti molti soldi, che dovrebbero tornare al più presto nei prossimi anni. Allo stesso tempo, è stato necessario digerire molti effetti una tantum, inclusi i problemi con gli airbag Takata, vari problemi con il diesel e il nuovo ciclo di prova WLTP. Non sorprende che la controversia commerciale, il BREXIT e questioni simili incidano anche sulle vendite di camion.

Tutte queste sfide devono essere sostenute dal Gruppo, eppure rimangono operativamente redditizie. Cosa possiamo aspettarci quando gli effetti una tantum saranno completati e gli investimenti inizieranno a diventare pilastri redditizi?

Gli effetti una tantum potrebbero presto essere superati, la domanda tiepida di camion, che attualmente sta trattenendo l’Europa in particolare, potrebbe presto riprendersi, la riorganizzazione di Smart sembra promettente e gli ingenti investimenti degli ultimi anni dovrebbero convertirsi in vendite con slancio crescente.

Fonte