Giappone, Scoperto sottomarino cinese: operava vicino alle acque territoriali?

Tempo di lettura: 1 minuto

L’area adiacente al mare territoriale è l’acqua al di fuori dell’area di 12 miglia nautiche dalla sovranità nazionale e si estende fino a 24 miglia nautiche. Secondo il , i sottomarini devono alzare e alzare la bandiera nazionale nelle acque straniere. Ma spostarsi sott’acqua non è proibito nell’area adiacente alle .

Il giapponese Taro Kono ha ordinato di raccogliere informazioni sul , di aumentare la e di essere estremamente vigili.

Operazioni di sorveglianza sottomarina che coinvolgono aeromobili di pattuglia in decollo dalla base di Kanoya a Kagoshima e dalla base di Naha a Okinawa, il cacciatorpediniere Aegis, Ashigara dalla base di Sasebo a Nagasaki e la portaelicotteri Kaga da Kure base, Hiroshima.

Il Ministero della Difesa giapponese non ha fornito informazioni sul sommergibile così com’era, sulle sue dimensioni in quanto potrebbe influenzare le attività di sorveglianza della Forza di autodifesa marittima giapponese (MSDF).

Nel gennaio 2018, Tokyo ha scoperto un sottomarino di attacco nucleare cinese vicino alle contestate Isole Senkaku. Pechino rivendica anche la sovranità sulle isole, chiamata Diaoyu.

A quel tempo, i sottomarini nucleari cinesi entrarono nell’area adiacente alle acque territoriali delle Isole Senkaku. Tokyo ha inviato un messaggio di protesta a Pechino.

Fonte locale