Giappone prevede vietare uso telefono camminando

Tempo di lettura: 2 minuti

Il consiglio comunale della città di Yamato, a sud-ovest di Tokyo, studierà, alla fine di giugno, l’adozione di una legge che vieta l’uso del telefono mentre si cammina. “Questo sarà il primo divieto di questo tipo in ”, ha detto ad AF AF Masaaki Yasumi, membro della leadership municipale.

Alcuni ricercatori dell’Università di Calgary che hanno studiato “pedoni distratti” hanno scoperto che è principalmente incarnato dai diversi usi dello (inviare messaggi, visualizzare e rispondere alle pubblicazioni dei , ecc.).

“La distrazione dei pedoni e passaggi a livello (attraversando la strada) saranno un problema di sicurezza stradale a breve termine”, hanno aggiunto.

I ricercatori hanno identificato circa 270.000 pedoni morti ogni anno in tutto il mondo, un quinto delle di incidenti stradali.

Questi utenti mobili che camminano per le strade e negli spazi pubblici guardando lo schermo dello smartphone, in particolare per scrivere un messaggio o consultare l’ultimo messaggio sui social network, pur essendo spensierati nel loro immediato entourage, sono chiamati “smombies” . Questo termine, che è apparso in Germania nel 2015, è la contrazione delle parole “smartphone” e “smombies”.

Questo stato di “trance” degli utenti di mobili rivettati sui loro telefoni può causare incidenti mortali su strada, in bicicletta o in auto o causare lesioni gravi a causa di viaggi o cadute.

Nel 2016, le autorità svedesi hanno identificato 650 gravi incidenti causati da “smombies” registrati sui loro telefoni che hanno richiesto l’intervento dei servizi di .

Una città giapponese prevede di vietare questo comportamento, che è considerato pericoloso per la . Abbiamo bisogno di regolamenti che segnino la nostra “dipendenza” dallo smartphone quando camminiamo per le strade della città?

Le statistiche della polizia di tutto il mondo e gli studi universitari confermano una correlazione tra incidenti, a volte fatali, e l’uso di smartphone.

Secondo un recente sondaggio, Baromobile 2018 , condotto con giovani utenti mobili francesi dai 18 ai 24 anni, il 21% dichiara di essere riuscito a sfuggire a una collisione con un’auto, una bicicletta o una moto e il 13% n non poteva evitare un simile incidente.

Fonte