Germania, Droga: Atleta olandese condannato a otto anni e mezzo di carcere

ARCHIV - 21.06.2014, Niedersachsen, Braunschweig: Leichtathletik Team-Europameisterschaft 2014 am im Eintracht Stadion. Madiea Ghafoor aus den Niederlanden startet beim 400 Meter Lauf der Frauen. Am 4. November 2019 beginnt in Kleve ein Prozess gegen die 27-jährige niederländische Sprinterin wegen Einfuhr und Handeltreibens mit Betäubungsmitteln. Foto: Peter Steffen/dpa +++ dpa-Bildfunk +++

Tempo di lettura: 1 minuto

L’atleta velocista professionista olandese Madiea Ghafoor è stata condannata a otto anni e sei mesi di reclusione per l’importazione di droghe e aiuti al . La 27enne aveva deliberatamente portato circa 50 chilogrammi di estasi e circa due chilogrammi di metanfetamine nell’auto, oltre il confine, nel mese di Giugno 2019.

Nessuno darebbe a un corriere droghe per un valore di vendita di strada di 1,5 milioni di euro, se non lo sapesse. Il rischio sarebbe troppo alto, ha dichiarato il presidente Judge Jürgen Ruby nel verdetto. Ghafoor non ha fornito alcuna informazione sui possibili clienti.

L’avvocato di Ghafoor Norman Werner ha annunciato che avrebbe contestato il verdetto. L’accusata aveva detto in precedenza al suo avvocato che aveva voluto drogarsi prima della a Doha a causa di una forma bassa, e quindi impegnata nel trasporto di agenti dopanti.

I funzionari doganali avevano controllato l’auto dell’atleta all’ingresso sull’autostrada a Emmerich e trovato farmaci multipli, oltre a 12.000 euro in contanti.

Fonte: spiegel