Francia, Italia, Danimarca appoggiano la missione navale per lo stretto di Hormuz

Tempo di lettura: 1 minuto

Francia, Italia e hanno dato il supporto iniziale per un piano britannico per una missione navale a guida per garantire una sicura attraverso lo Stretto di Hormuz, proposta dopo il sequestro dell’ di una nave cisterna battente bandiera britannica il 23 luglio. Lo ha riferito Euractiv con riferimento a tre alti diplomatici dell’UE.

Il cauto sostegno in una riunione degli inviati dell’UE a Bruxelles contrasta nettamente con la risposta tiepida mostrata dagli alleati europei a una simile chiamata americana espressa per la prima volta dalla NATO alla fine di giugno, quando i paesi temevano di poter peggiorare le tensioni tra Stati Uniti e Iran.

“La richiesta della , piuttosto che quella di Washington, rende più facile per gli europei radunarsi attorno a questo”, ha detto un alto diplomatico dell’UE. “La libertà di navigazione è essenziale, è separata dalla campagna statunitense di massima pressione sull’Iran”.

La Gran Bretagna ha sollevato il piano dopo la cattura di venerdì della Stena Impero da parte dei commando iraniani in mare.

Correlati: incidente di Gibilterra: l’Iran interrompe le relazioni con l’UE
Anche i Paesi Bassi stanno valutando la proposta britannica, mentre un funzionario spagnolo ha affermato che Madrid ha tenuto colloqui con Londra e sta studiando l’idea.

Come è stato riferito in precedenza, i governi e i leader di Regno Unito, Francia e Germania hanno fatto una dichiarazione congiunta, chiedendo agli Stati Uniti e all’Iran di ripristinare il dialogo al fine di fermare l’escalation sull’accordo .

Inoltre, i leader tedeschi, francesi e americani hanno condannato gli attacchi verificatisi nel e in altre località e hanno espresso preoccupazione per il peggioramento della situazione della nella regione.

Fonte
112.international