Finanza verde e transizione energetica globale

Tempo di lettura: 3 minuti

La transizione energetica globale, lo spostamento storico verso le economie delle emissioni a basse emissioni di carbonio, continua a guadagnare terreno mentre sempre più paesi procedono verso lo sviluppo sostenibile in tutte le sue forme.

Le sfide chiave sorgono senza dubbio a seguito di una trasformazione così significativa. Una sfida è la minaccia ai modelli di business delle aziende energetiche in carica; un altro è il sostanziale finanziamento in conto capitale necessario per garantire il successo della transizione.

Queste sfide presentano tuttavia numerose opportunità. Esistono opportunità di investimento interessanti nelle società di infrastrutture e tecnologia lungo l’intera catena del valore dell’energia e nei settori interconnessi. Questa transizione sta profondamente ridisegnando i mercati globali dell’energia con ramificazioni per ogni settore dell’economia.

Per ottenere una visione più approfondita della transizione energetica globale, vale la pena identificare i suoi tre principali driver macro: decarbonizzazione, elettrificazione e digitalizzazione. Di seguito, valutiamo il loro impatto e consideriamo le opportunità di investimento che ciascuno presenta:

• Decarbonizzazione

Un totale di 195 paesi hanno concordato nel 2015 di limitare l’aumento della temperatura media globale in questo secolo a ben sotto i 2 ° C, rispetto ai livelli preindustriali, e a proseguire gli sforzi per limitare l’aumento a 1,5 ° C. L’accordo, noto come Accordo di Parigi, è stato il risultato di sei anni di negoziati. Il raggiungimento del primo obiettivo richiederà investimenti medi annui nel settore energetico di circa 3,5 trilioni di dollari tra il 2016 e il 2050, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia.

Una riduzione significativa delle emissioni dipende da una combinazione di misure, tra cui la generazione di elettricità a basse emissioni di carbonio, il trasporto a basse emissioni e un uso più efficiente dell’energia residenziale e industriale.

Per raggiungere questo obiettivo, sono necessari finanziamenti sia per la progettazione e costruzione di beni reali lungo la catena del valore dell’energia, sia per le aziende innovative la cui tecnologia sta contribuendo a facilitare la transizione energetica globale. Le opportunità di investimento includono l’aggiornamento o la sostituzione di infrastrutture e risorse esistenti, nonché l’aumento della loro efficienza mediante l’implementazione di nuove tecnologie e modelli di business.

• Elettrificazione

La crescente quota di elettricità nel consumo totale di energia riflette uno spostamento delle preferenze dei consumatori verso una fonte di energia più efficiente e più pulita nel punto di utilizzo. Questo spostamento del consumo di energia primaria è ulteriormente facilitato da nuove tecnologie e miglioramenti dell’efficienza nei processi di trasporto, riscaldamento, raffreddamento e industriali.

Le potenziali opportunità di investimento in questo settore potrebbero includere sia beni reali (ad es. Tecnologie efficienti di riscaldamento e raffreddamento o infrastrutture di ricarica del trasporto elettrico) sia investimenti aziendali, che fornirebbero capitale di crescita a società con tecnologie o servizi innovativi.

• Digitalizzazione

Le tecnologie economiche di informazione e comunicazione (TIC) stanno digitalizzando la generazione, la distribuzione e il consumo di energia, offrendo significativi rendimenti operativi (ad es. Risparmio energetico).

Nel contesto del settore energetico, i costi in rapida diminuzione delle TIC consentono: in primo luogo, una crescita esponenziale della raccolta e dello scambio di dati in tempo reale; secondo, l’automazione di determinati processi e sistemi di controllo; e in terzo luogo, strategie e processi decisionali basati sui dati, dal funzionamento delle risorse all’interazione con i clienti. La crescita delle energie rinnovabili e l’ascesa di risorse energetiche distribuite su piccola scala, nonché il lancio di contatori intelligenti e altri dispositivi intelligenti, hanno portato a un vasto numero di dispositivi connessi che forniscono dati attraverso l’intera catena del valore.

Le competenze specialistiche, che storicamente non sono state molto diffuse nel settore energetico, aprono la porta a opportunità di investimento guidate dalla digitalizzazione. Un esempio è la fornitura di servizi di bilanciamento del sistema elettrico, che aiutano i consumatori di energia con modelli di domanda flessibili a realizzare risparmi.

Tutti e tre questi driver macro condividono la necessità di importi significativi di finanziamento, nonché l’adozione di approcci di finanziamento distinti e diversi. Le parti interessate dovranno promuovere in modo giudizioso questa storica opportunità di investimento globale, mentre gli investitori avranno bisogno di lungimiranza per impegnare capitale finanziario nei progetti a lungo termine che contano nella nostra corsa per costruire un futuro sostenibile per tutti.

La finanza verde e la transizione energetica globale sono le due facce della stessa medaglia. Se la finanza verde riguarda i disincentivi che allontanano le aziende dall’uso di carbonio elevato, la transizione energetica globale riguarda l’attrazione di nuove tecnologie attraenti per raggiungere lo stesso scopo. In definitiva, il successo della transizione dipenderà dalla volontà degli investitori di impegnare grandi quantità di capitale.

Fonte
tradearabia.com