Filippine, Bambini e Droga. Responsablità penale

Tempo di lettura: 1 minuto

La Commissione della ha approvato una proposta di legge che intende ridurre da 15 a nove anni l’eta’ minima per la responsabilita’ penale. La proposta, che passa ora alla discussione del Senato, incontra il favore del presidente Rodrigo , che tempo fa aveva incoraggiato una riforma in questo senso.

Una posizione confermata anche dal presidente della , Doy Leachon, che all’emittente ‘Cnn’ ha detto: “E’ ora di approvare una legge che protegga i bambini dalle , che cercano di sfuggire a punizioni”. Secondo gli ultimi report delle forze dell’ordine, sempre piu’ minori vengono impiegati dai di come corrieri, oppure svolgono altre “commissioni”.

Il incarica il giudice di valutare se il minore – di eta’ compresa tra i nove e i 18 anni – abbia agito con “intenzionalita’”. Se questo risulta evidente, allora il minore potra’ incorrere nelle sanzioni previste per legge.

Tuttavia, ha chiarito ancora Dou Leachon, il minore non sara’ imprigionato, ma incorrera’ in misure quali “la riabilitazione e l’inserimento” in apposite strutture di recupero. “Si tratta di una decisione che va contro le famiglie, contro i poveri ed e’ completamente ingiusta” la critica giunta dal senatore Antonio Trillanes, una delle principali voci dell’opposizione.

“Inoltre, promuove una societa’ spietata che non ha considerazione delle persone”, ha aggiunto. Anche le organizzazioni per i diritti dei minori si sono espresse contro la proposta.

L’ong Karapatan ad esempio ha ricordato che ridurre a nove anni l’eta’ punibile rappresenta “un grande per i bambini”, che cosi’ “rischiano di essere criminalizzati e stigmatizzati per tutta la vita”.

Fonti: Aduc – Fi / Dire