Fallita cura Covid-19 con farmaco anti virale

Tempo di lettura: 2 minuti

Un antivirale sperimentale attentamente studiato dalla Gilead Sciences Inc non è stato in grado di aiutare i con grave, in uno studio clinico condotto in Cina. L’ ha dichiarato che i risultati non erano conclusivi perché lo studio è stato interrotto e, di conseguenza, non può essere utilizzato per trarre conclusioni statisticamente significative.

Intanto le azioni Gilead hanno chiuso il 4,3% dopo che i dati sono stati inavvertitamente rilasciati e riportati, per la prima volta, dal .

L’interesse per il remdesivir di Gilead è stato elevato in quanto attualmente non esistono trattamenti approvati o preventivi, per COVID-19.

Nello studio cinese remdesivir, somministrato per infusione endovenosa, non è riuscito a migliorare le condizioni dei pazienti o a ridurre la presenza del patogeno nel flusso sanguigno, secondo i progetti di documenti pubblicati accidentalmente dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Uno screenshot del post dell’OMS, catturato dal sito web di notizie mediche STAT prima che fosse rimosso, ha detto che lo studio ha arruolato 237 pazienti con 158 trattati con remdesivir rispetto a 79 che avevano ottenuto un placebo.

Il tasso di morte era simile al 13,9% per remdesivir rispetto al 12,8% nel gruppo di controllo.

Gilead, in una dichiarazione, ha affermato che la pubblicazione dell’OMS includeva caratterizzazioni inadeguate dello studio.

, che è stato interrotto presto a causa della scarsa iscrizione e,

“I risultati dello studio sono inconcludenti, sebbene le tendenze nei dati suggeriscano un potenziale beneficio per remdesivir, in particolare tra i pazienti trattati nelle prime fasi della malattia”, ha affermato la società senza fornire dettagli a sostegno di tale affermazione.

I medici hanno ipotizzato che un farmaco antivirale come il remdesivir sarebbe probabilmente più efficace se somministrato il più presto possibile nel corso della malattia, in quanto è progettato per aiutare a impedire al di replicarsi nel sangue.

“È possibile spegnere un falò, ma una volta che diventa un incendio è difficile da controllare”, ha dichiarato il dott. Kevin Grimes, specialista in malattie infettive all’ospedale metodista di Houston che non è stato coinvolto nello studio.

Gilead è in attesa dei risultati di una di remdesivir, che in precedenza aveva fallito come trattamento con Ebola, in 400 pazienti ricoverati in ospedale con grave COVID-19.

Anche uno studio separato condotto in Cina per testare il farmaco in pazienti con sintomi più moderati, la scorsa settimana, è stato sospeso a causa della mancanza di pazienti idonei.

Articolo scritto da Saumya Joseph e Deena Beasley