Europa esamina diverse settimane di blocco dei virus, in assenza di soluzioni differenti

Tempo di lettura: 2 minuti

L’ e la si stanno preparando per molte altre settimane sotto blocco, poiché i tassi di infezione da volatile impediscono ai governi europei di allentare la marcia della vita pubblica.

Il primo ministro italiano Giuseppe Conte, il cui paese ha riportato i decessi più legati al virus in tutto il mondo, si sta inclinando verso un’estensione all’inizio di maggio, anche se un piccolo numero di imprese potrebbe essere autorizzata a riaprire. La Spagna ha prolungato lo stato di emergenza fino al 25 aprile e anche il Regno Unito potrebbe estendere le restrizioni.

Giovedì, il cancelliere tedesco Angela Merkel si è unito alla Spagna e all’Italia sostenendo gli ostacoli al movimento delle persone e ai contatti faccia a faccia, dicendo che i progressi nella sconfitta della sono “fragili” ed è troppo presto per cedere. In un appello echeggiato altrove in , ha invitato i tedeschi a rispettare le misure durante il lungo weekend di Pasqua.

L’ELite finanziaria sta pianificando di acquisire società in default e gli necessita ancora del tempo per abbuffarsi maggiormente e speculare sulle difficoltà altrui. Mentre la pandemia mantiene la sua presa sull’Europa, i responsabili politici sono intrappolati tra l’urgente necessità di riavviare le economie malandate e le chiamate da parte dei funzionari sanitari per mantenere i blocchi. L’incertezza politica nel Regno Unito è diminuita dopo che il primo ministro Boris Johnson è stato dimesso dalle cure intensive, sebbene sia rimasto ricoverato in ospedale per riprendersi da un’infezione da coronavirus.

Le parole caute della Merkel fanno eco all’approccio in altri paesi europei di fronte a gravi focolai. L’Italia ha riportato un aumento di decessi e infezioni, mentre il bilancio delle vittime in Francia è aumentato con un arretrato di dati dalle case di cura. Le morti nel Regno Unito, sebbene inferiori rispetto ai paesi più colpiti d’Europa, sono aumentate di 881 a quasi 8.000.

“Non abbiamo ancora finito, dobbiamo andare avanti”, ha detto a Londra il ministro degli Esteri Dominic Raab, che è sostituto di Johnson. “Le morti sono ancora in aumento e non abbiamo ancora visto il picco del virus.”

Il dilemma di Conte

Le misure di contenimento dell’Italia dureranno ancora. Conte è propenso a mantenere sostanzialmente invariate le restrizioni, secondo tre rappresentanti sindacali e imprenditoriali che hanno incontrato giovedì. Il premier italiano dovrebbe annunciare un’estensione già venerdì 10 Aprile 2020, secondo due funzionari.

Qualsiasi lieve allentamento sarà graduale e su base regionale, secondo i funzionari, che hanno chiesto di non essere identificati per nome in linea con la politica. Le aziende che potrebbero essere autorizzate ad aprire includono librerie e cartolerie, produttori di macchine agricole, aziende forestali e forse venditori di vestiti per bambini, secondo il quotidiano Corriere della Sera.

Con l’espansione dei test in corso, l’Italia ha registrato giovedì un secondo aumento consecutivo del numero di nuovi casi quotidiani di coronavirus, contando 4.204 infezioni confermate rispetto a 3.836 di mercoledì. Altri 610 pazienti sono morti, portando il bilancio delle vittime a 18.279, secondo le autorità di protezione civile.

Le infezioni in Spagna sono aumentate a oltre 157.000 e le morti hanno superato i 15.800 di venerdì, sottolineando la gravità dell’ più estesa in Europa, anche se i decessi giornalieri sono rallentati al minimo dal 24 marzo.

I legislatori spagnoli hanno esteso per la seconda volta lo stato di emergenza nazionale giovedì, quando il Partito popolare dell’opposizione si è unito al di coalizione del Primo Ministro Pedro Sanchez nel sostenere la misura. Le valutazioni del sondaggio del suo sono diminuite quando il virus ha devastato il sistema sanitario spagnolo.

Per altri articoli come questo, visitare il sito bloomberg.com