Europa, dal 2022 nuove auto dotate di sistemi per limitare velocità

photo courtesy by author

Tempo di lettura: 2 minuti

Londra (CNN Busines) Le nuove auto vendute in Europa dal 2022 dovranno essere dotate di sistemi per limitare la loro velocità. In base alle nuove norme di sicurezza concordate dall’Unione Europea, tutti i nuovi veicoli devono disporre di sistemi di “assistenza alla velocità intelligente” come equipaggiamento standard.

Le norme UE non impongono una tecnologia specifica per i sistemi, che può essere temporaneamente ignorata dal conducente. Alcune case automobilistiche hanno già sviluppato metodi per utilizzare il GPS o le telecamere per rilevare i limiti di velocità registrati e assicurarsi che i veicoli vi aderiscano.

Il commissario europeo Elżbieta Bieńkowska ha dichiarato in una dichiarazione che 25.000 persone vengono uccise ogni anno sulle strade europee, con la maggior parte degli incidenti causati da errori umani.

“Con le nuove funzionalità di sicurezza avanzate che diventeranno obbligatorie, possiamo avere lo stesso tipo di impatto di quando sono state introdotte le cinture di sicurezza”, ha affermato.

Le regole, che impongono anche i registratori di dati di crash e le telecamere di retromarcia, sono state salutate dai difensori della sicurezza. Ma altri hanno sollevato preoccupazioni sul rischio che i conducenti diventassero compiacenti e meno concentrati sulle condizioni stradali.

Anche la European Automotive Manufacturers Association nutre preoccupazioni per la tecnologia. Ha avvertito lo scorso anno di “molti problemi relativi alle infrastrutture che frenano la sua ampia applicazione”.

Ha affermato che i segnali stradali non sono standardizzati in tutta Europa, rendendo difficile individuare i limiti di velocità. Le mappe digitali mancano di informazioni sui limiti di velocità per molte strade e i dati non sono sempre aggiornati.

“Ecco perché i sistemi intelligenti di assistenza alla velocità dovrebbero essere introdotti gradualmente nelle auto per fornire tempo sufficiente per aggiornare la nostra infrastruttura”, ha detto a dicembre.

I sistemi intelligenti di assistenza alla velocità non applicano automaticamente i freni quando un’auto sta andando troppo veloce. Invece, limitano la potenza del motore per mantenere i veicoli al limite di velocità a meno che il conducente non lo sostituisca.

Alcune case automobilistiche europee vedono un vantaggio nel limitare le velocità.
Volvo, che è di proprietà della cinese Geely, ha detto all’inizio di questo mese che avrebbe impedito alle auto di andare più velocemente di 180 chilometri all’ora (112 miglia all’ora).
Ha detto che sta considerando anche altre tecnologie che potrebbero imporre limiti di velocità più severi alle auto che circolano nelle vicinanze di scuole e ospedali.

“Vogliamo iniziare una conversazione sul fatto che i produttori di automobili abbiano il diritto o forse addirittura l’obbligo di installare la tecnologia nelle auto che modifica il comportamento del conducente”, ha detto all’epoca il CEO di Volvo Håkan Samuelsson.

Le norme dell’UE devono ora essere formalmente approvate dagli Stati membri e dal Parlamento europeo.

Photo courtesy by author

Lianne Kolirin ha contribuito alla segnalazione.