Etiopia sud-orientale, Kickstart, CERF assegna US $ 10 milioni per mitigazione impatto siccità

Tempo di lettura: 2 minuti

Il sottosegretario generale delle per gli affari umanitari e il coordinatore degli aiuti d’emergenza, Mark Lowcock, ha stanziato 45 milioni di dollari dal Fondo di risposta alle emergenze centrali (CERF) per incrementare l’ alimentare e nutrizionale, la fornitura di acqua sicura, la protezione dei mezzi di sussistenza e altri urgenti alle persone colpite dalla in varie parti della , dell’Etiopia e del . Di questa dotazione finanziaria, $ 10 milioni sono destinati all’Etiopia.

Le piogge primaverili del 2019 non riuscite hanno portato a questa nuova siccità nel Corno d’Africa, inclusa l’Etiopia meridionale, colpendo le comunità che si stanno ancora riprendendo da anni di siccità consecutive. Sono in aumento le segnalazioni di carenze idriche e di deterioramento delle condizioni corporee del bestiame e morti per il bestiame a causa della mancanza di pascoli e di acqua.

L’Agenzia meteorologica nazionale ha anche confermato che la performance al di sotto della media delle precipitazioni estive del 2019 (giugno-settembre) dovrebbe interessare le parti sud-orientali del paese, per lo più regioni somali dove le comunità subiranno due stagioni asciutte consecutive.

“L’insicurezza alimentare dovrebbe raggiungere il picco tra giugno e ottobre, con più della metà della popolazione nelle aree colpite che si stima faccia a faccia con il livello di insicurezza alimentare, chiedendo un’azione urgente per attuare misure per mitigare il peggio dell’impatto della siccità. La malnutrizione e la morbilità e la mortalità legate alla salute, nonché i rischi di protezione aumentano esponenzialmente durante la siccità, specialmente tra le fasce più vulnerabili della società “, ha affermato Aeneas Chuma, coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per l’Etiopia.

La regione somala ha già preparato un piano prioritario di preparazione e risposta alle emergenze (EPRP) che ha come obiettivo 1.27 milioni di persone nelle loro 11 zone. Il piano cerca 20,7 milioni di dollari USA per affrontare principalmente l’impatto della siccità.

La metà del fabbisogno è per interventi urgenti in e allevamento. Prendendo in considerazione altre aree colpite dalla siccità (al di fuori della regione somala), ci si aspetta che circa 3,8 milioni di persone richiedano un’azione tempestiva per evitare una crisi umanitaria a un costo stimato di 40-60 milioni di dollari.

Apprendendo la tempestività del contributo finanziario del CERF alla nuova risposta alla siccità dell’Etiopia, Chuma ha osservato che “se non rispondiamo rapidamente, il contesto umanitario è destinato a deteriorarsi rapidamente, portando a sofferenze inutili, un’operazione umanitaria più costosa e perdite di guadagni in termini di “Annunciando il contributo del CERF di 10 milioni di dollari all’Etiopia, il signor Lowcock ha invitato i donatori ad aumentare il loro alla siccità per una risposta tempestiva all’azione, oltre all’assistenza critica per la risposta nazionale in corso agli sfollati interni.

Il CERF è stato istituito nel 2006 per avvalersi di fondi urgenti e molto necessari per le agenzie umanitarie per rispondere a situazioni umanitarie nuove o in deterioramento in tutto il mondo.

Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari:
Per ulteriori informazioni sulle attività di OCHA, visitare https://www.unocha.org/.