Etica, sicurezza e solidarietà nel giornalismo di guerra

Condividi nei social net

I giornalisti dovrebbero anche sapere che sebbene corrano sempre il rischio di essere catturati e fucilati come spie, il diritto internazionale umanitario afferma che i giornalisti accreditati che viaggiano sotto la protezione di un esercito devono essere considerati parte dell’entourage civile di accompagnamento.

Se catturati da forze opposte devono essere trattati come prigionieri di guerra. Coloro che minacciano o eseguono giornalisti sul campo di battaglia dovrebbero essere processati per affrontare la punizione sancita dal diritto internazionale.

Questa è almeno la teoria. Il problema è che i giorni del corrispondente di guerra in piena uniforme sono un ricordo lontano quanto le lotte armate di guerra tradizionale. Il giornalismo è diventato un’attività di guerriglia tanto quanto lo stile di conflitto che disturba la pace di Ucraina , Siria , Iraq e Afghanistan.

il diritto umanitario distingue due categorie di giornalisti che lavorano nelle zone di conflitto: corrispondenti di guerra accreditati alle forze armate e giornalisti “indipendenti”. Secondo il Dictionnaire de droit pubblico internazionale, la prima categoria comprende tutti i “giornalisti specializzati che, con l’autorizzazione e sotto la protezione delle forze armate belligeranti, sono presenti sul teatro delle operazioni al fine di fornire informazioni sugli eventi relativi alle ostilità”. Questa definizione riflette una pratica seguì durante la seconda guerra mondiale e la guerra di Corea, quando i corrispondenti di guerra indossavano uniformi, godevano dei privilegi degli ufficiali e venivano posti sotto l’autorità del capo dell’unità militare in cui erano incorporati. Per quanto riguarda il termine “giornalista”, designa, secondo un progetto di convenzione delle Nazioni Unite del 1975, “… qualsiasi corrispondente, giornalista, fotografo e i loro assistenti tecnici di film, radio e televisione che sono normalmente impegnati in una di queste attività come loro occupazione principale … ”

Protezione dei corrispondenti di guerra

I corrispondenti di guerra rientrano nella categoria mal definita di “persone che accompagnano le forze armate senza esserne effettivamente membri”. Dato che non fanno parte delle forze armate, godono dello status civile e della protezione derivata da quello stato. Inoltre, poiché, per così dire, sono associati allo sforzo bellico, hanno diritto allo status di prigioniero di guerra quando cadono nelle mani del nemico, a condizione che siano stati debitamente autorizzati ad accompagnare le forze armate.

Protezione dei giornalisti impegnati in pericolose missioni professionali

I partecipanti alla conferenza diplomatica tenutasi a Ginevra dal 1974 al 1977 hanno ritenuto che per rispondere meglio alle esigenze del loro tempo sarebbe opportuno includere una disposizione speciale sulle “misure di protezione per i giornalisti” nel protocollo I per integrare l’articolo 4 della Terza Convenzione di Ginevra. La disposizione risultante, l’articolo 79, non modifica il regime applicabile ai corrispondenti di guerra.

L’articolo 79 stabilisce formalmente che i giornalisti impegnati in pericolose missioni professionali in zone di conflitto armato sono civili ai sensi dell’articolo 50, paragrafo 1. Come tali, godono dell’intera gamma di protezione garantita ai civili in base al diritto internazionale umanitario. I giornalisti sono quindi protetti sia dagli effetti delle ostilità sia dalle misure arbitrarie adottate da una parte in conflitto quando cadono nelle mani di quella parte, sia che vengano catturate o arrestate.

Fonti : ethicaljournalismnetwork.org / casebook.icrc.org