Esperienze di benessere del mondo, Dalle terme romane ai ritiri esotici

Tempo di lettura: 3 minuti

Negli ultimi 20 anni numerose SPA si sono evolute, per non parlare degli ultimi 2000. Tocca “spa” in Google e otterrai miliardi di risultati di ricerca. Leggermente travolgente se stai semplicemente cercando un posto dove trascorrere un fine settimana rilassante. Ma è la prova di come la parola spa ora abbraccia molto più del suo significato tradizionale.

Cioè: uno spazio pubblico esteticamente edificante dedicato alla salute e al relax, costruito attorno a una fonte di acqua di sorgente ricca di minerali naturalmente calda o riscaldata.

Duemila anni fa, furono i romani (e in particolare i soldati romani ) che, mentre conquistavano e colonizzavano il loro cammino per l’Europa, il Nord Africa e il Mediterraneo, diffondevano l’idea della spa come parte essenziale della vita quotidiana.

Senza dubbio, i soldati erano ansiosi di avere un posto per curare le loro ferite, riprendersi dagli sforzi e semplicemente riscaldarsi e pulirsi. Emulando i grandi bagni di marmo di Roma – versioni migliorate di bagni eretti dagli antichi Greci, grazie anche loro sinceramente – i soldati romani costruirono bagni (e accampamenti) attorno a sorgenti termali naturali ovunque li incontrassero.

Nessuno è sicuro da dove provenga la parola spa. Alcuni pensano che sia l’acronimo della frase latina Salus Per Aquam, salute dall’acqua. Ma furono sicuramente i romani a nominare un villaggio termale belga, dopo aver costruito bagni intorno alle sue sorgenti termali. Nel corso dei secoli, Spa divenne così nota per gli effetti curativi di quest’acqua – ricca di minerali grazie alla roccia che attraversò prima di sgorgare dal terreno – che dal 1300, il nome Spa iniziò ad essere aggiunto in qualsiasi luogo dove la gente trovasse fare il bagno o bere le acque sorgive locali benefiche.

Le spa come le conosciamo oggi, tuttavia – lussuose, con un menu in continua espansione di trattamenti, terapie ed esperienze – sono decollate solo negli anni ’80. Fino ad allora, quelle terme che erano sopravvissute alla crescente influenza dell’industria farmaceutica postbellica della seconda guerra mondiale (con la sua pillola per ogni malato, ovviando all’istinto di molte persone di cercare una cura termale tradizionale) erano diventate la provincia delle manovelle.

Le terme di tipo sanatorio erano prosperate nell’Europa orientale comunista, gratuitamente per gli operai inviati lì per una settimana all’anno per mantenerle in forma, ma il crollo dell’Unione Sovietica nel 1989 pose fine a molte di esse.

In Gran Bretagna, negli anni ’70, “fattorie della salute”che le terme si erano trasformate principalmente in donne e nello strano attore maschio che voleva . Si trattava di diete a base di lattuga e ricotta e giornate animate da un massaggio e una manicure.

L’era della selvaggia prosperità che gli anni ’80 hanno inaugurato, grazie alla deregolamentazione bancaria e all’industria petrolifera in forte espansione, ha inaugurato una di individui ultra-ad alto reddito e stressati, disperati nel tentativo di fuggire e ricaricarsi in un posto intelligente. Improvvisamente, una spa è stata la risposta a molti nuovi problemi.

Fu avviata un’enorme quantità di edifici alberghieri, ciascuno con una spa ora obbligatoria, migliore del resto.

Gli hotel più vecchi hanno rapidamente convertito la loro discoteca o spazio di archiviazione in sale per trattamenti. Chiva Som ha aperto in Thailandia, mostrando al mondo quale potrebbe essere una spa di destinazione per la – non entusiasma. Dal 2000 è impensabile che qualsiasi hotel a cinque stelle non abbia un centro .

Spa è ora la parola d’insieme che abbraccia ogni sorta di nuove ossessioni di benessere e cura di sé. Questi vanno dalla gamma – respiro profondo – consapevolezza, meditazione, test del DNA, buon sonno, batteri intestinali, alimentazione pulita, colonie, campi di addestramento, terapia del riso, uso di cristalli, avvolgimento in alghe o fango, gocce di vitamina IV, medicina tradizionale cinese (noto a malapena in questi giorni in Cina, vale la pena notare), Ayurveda, tai chi, qigong, medicina alternativa, case sugli alberi, campane tibetane, bioenergetica, trasformazionale, olii essenziali, mperle d’ala, riverenza per le piante, pulizia dei chakra, schiarimento dell’aura, sciamanesimo, massaggio addominale chi nei tsang, digiuno, vegetarismo, veganismo e tutti i tipi di yoga e Pilates e allenamenti in palestra, per – un altro respiro profondo – il desiderio diffuso di disconnettersi , sii fuori e torna alla natura.

Da Antigua a Zanzibar, ora abbiamo una straordinaria selezione di spa tra cui scegliere. E la prossima volta che ci sdraiamo su un lettino da massaggio, potremmo inviare un messaggio mentale di ringraziamento attraverso i secoli alle persone a cui dobbiamo maggiormente questa grande scelta. I romani.
Fonte : the national ae