Esiste un anticorpo terapeutico Anti-SARS-CoV S (CR3022)

Tempo di lettura: 2 minuti

Questo prodotto è un anticorpo monoclonale anti--CoV umano ricombinante. CR3022 si lega specificamente al dominio di legame del recettore di picchi associato a -CoV e può essere potenzialmente utilizzato nella e nel trattamento dell’infezione da SARS-CoV.

L’anticorpo monoclonale originale è stato generato sequenziando i del periferico di un paziente, esposto alla SARS-CoV del 2006, e poi guarito.

Questo anticorpo si lega agli 318-510 nel dominio S1 della proteina Spike SARS-CoV e della proteina Spike SARS-CoV-2 ().

L’anticorpo si lega anche ai frammenti S318-510 sostituiti da P462L della proteina di picco SARS.

L’epitopo legante è accessibile solo nel confronto “aperto” della proteina spike (Joyce et al. 2020)

Questo anticorpo si lega a SARS-CoV e SARS-CoV-2 con elevata affinità (PMID: 16796401 e 32065055).

La caratterizzazione iniziale del legame di questo anticorpo è stata eseguita da ELISA e indica il potenziale per lo sviluppo di test diagnostici, sia come test di cattura del virus, sia come controlli nei test sierologici che misurano le risposte immunitarie all’esposizione del virus.

Sono disponibili isotipi di IgG1, IgG3, IgM e IgA umane per imitare le risposte anticorpali osservate in COVID19 (Amanat et al. 2020).

I sottotipi di IgG2 e IgG4 umani, che sono presenti anche in un piccolo sottogruppo di COVID-19, sono disponibili anche per indagare il loro ruolo nella risposta a SARS-CoV-2.

La versione IgG1 umana originale dell’anticorpo funziona in sinergia in combinazione con un altro anticorpo SARS CR3014 senza compromessi ed è un potenziale candidato per la profilassi immunitaria passiva dell’infezione da SARS-CoV (Meulen et al., 2006).

È stato anche riportato che l’anticorpo originale (IgG1 umano) si lega al RBD 2019-nCoV (KD di 6,3 nM). A questo anticorpo è stato attribuito un potenziale da sviluppare come agente terapeutico, da solo o in combinazione con altri neutralizzanti per il trattamento delle infezioni 2019-nCoV (Tian et al., 2020).

Fonti
rcsb.org
creativebiolabs.net
absoluteantibody.com
onlinelibrary.wiley.com