Erdogan minaccia l’Europa di rifugiati dopo la critica della Siria

Tempo di lettura: 2 minuti

Il quotidiano Bloomberg riferisce che il presidente ha minacciato di inviare milioni di rifugiati stabiliti in Turchia in Europa, mentre si preparava a criticare la sua offensiva militare contro i combattenti curdi.

Il presidente ha intensificato gli attacchi negli ultimi mesi con un accordo siglato con l’, che includeva la Turchia che riceveva aiuti per 6 miliardi di euro ($ 6,6 miliardi) e altre attrattive non ancora consegnate in cambio della prevenzione della circolazione dei migranti. Ma la pungente condanna dell’incursione della Turchia nel nord della questa settimana ha provocato la più dura reazione di Erdogan negli anni.

La Turchia vede la milizia curda come una minaccia alla sua sicurezza a causa dei suoi legami con i curdi separatisti che combattono le turche. Vuole guidare il gruppo da una zona di confine e quindi reinsediare almeno 1 milione di siriani sfollati nella fascia di territorio.

Ma funzionari europei e altri hanno denunciato l’offensiva per l’apertura di un altro fronte nel siriano e la potenziale fratturazione degli sforzi internazionali per sconfiggere lo . Migliaia di combattenti curdi sono morti assumendo un ruolo guida nello smantellare il jihadista.

Le verso l’Europa sono diminuite drasticamente da quando oltre un milione di richiedenti asilo è entrato nel blocco quattro anni fa, soprattutto in Germania. Ma non prima che l’afflusso abbia ridisegnato la mappa politica dell’UE, guidando un cuneo tra gli Stati membri e alimentando un aumento del populismo di estrema destra che ha sfruttato l’ansia sociale all’indomani della .

C’è stato un recente rigonfiamento di richiedenti asilo che attraversava il Mar Egeo occidentale, un segnale di difficoltà negli accordi intercorsi con la Turchia che alla fine ha fermato il flusso di arrivi durante la crisi del 2015 e del 2016.

Un nuovo afflusso, anche se per nulla vicino alla stessa scala, ha il potenziale di suscitare per leader europei come la tedesca Angela Merkel, che ha sofferto del contraccolpo populista contro la sua politica a porte aperte.

Fonte Bloomberg con l’assistenza di Taylan Bilgic.