Empoli e Castelfiorentino, arrivano le sentinelle cittadine

Tempo di lettura: 2 minuti

Nei comuni di Empoli e viene attivato il progetto “Controllo di Vicinato” per consentire ai cittadini di dare una mano alle forze di nella di furti in casa e della microcriminalità. Si tratta di un’iniziativa non nuova, visto che a Firenze, in Borgo Ognissanti, c’è chi già lo fa da anni ed in modo molto efficiente. Noi di , peraltro, avevamo anche creato un gruppo nel social net Facebook che, inizialmente era circoscritto al , e poi ampliato a “ in ”.

Che cos’è quindi il progetto di Empoli e Castelfiorentino ? Una cornice di regole ai rapporti di buon vicinato e di attenzione sociale, grazie alle quali gli abitanti potranno segnalare ciò che di insolito o di sospetto dovessero notare nella propria zona di residenza, come strani passaggi di auto o di persone, rumori, allarmi.

Un’attività di sola osservazione e ; è esclusa qualsiasi forma, individuale o collettiva, di pattugliamento del territorio. L’accordo vuole rafforzare ulteriormente la cooperazione tra le amministrazioni statali, gli enti locali e la società civile nell’ambito di quei progetti integrati e partecipati che contribuiscono ad accrescere il senso di sicurezza della popolazione.

Una iniziativa che è simile a quella di Borgognissanti ed a quanto scritto nel gruppo Sicurezza in Toscana :”Le sentinelle di un tempo sono oggi tecnologiche, definite anche Ronda 2.0. Le promuovono anche i comitati di cittadini con una vigilanza partecipata. Attenzione a non diventare giudici del prossimo, senza aver la certezza che si tratta effettivamente di delinquenti e malavitosi, o persone che sporcano e rendono il quartiere poco decoroso, poiché Il rovescio della medaglia è sbagliare un normale soggetto per un sospetto, divenendo egli segnato a vita dovunque vada.

Per chi vuole partecipare al nostro progetto, si iscriva a: https://www.facebook.com/groups/sicurezzaintoscana/

ReD