[Emergenza Sanitaria / Covid-19] Ricordiamo i provvedimenti del Governo adottati nella fase 1

Tempo di lettura: 1 minuto

A memoria di quanto avvenuto, come fatto storico per le future generazioni, pubblichiamo i provvedimenti del Governo adottati nei giorni della ‘’ o ‘LookDown’, con particolari riferimento a quelli che hanno di fatto sospeso molti diritti costituzionali.

Il Governo italiano, con il decreto 5 Marzo 2020, ha fatto quanto segue:

1. Sospeso la liberta di spostamento sul territorio e più in generale il diritto di libertà personale (art. 12 e 16 della .)

2. Sospeso il diritto di pubblica assemblea e manifestazione e sciopero (art. 17 e 40).

3. Sospeso il diritto al lavoro impedendo alcune (art. 4 della Costituzione Italiana).

4. Sospeso o ostacolato il diritto di accesso all’istruzione chiudendo scuole e università (art.34 della costituzione italiana).

5. Sospeso il diritto di in giudizio (art.24 della costituzione) con la di tutti i processi.

6. Sospeso il diritto di voto con il rinvio del referendum e delle elezioni amministrative (art. 48 e 75 della Costituzione italiana).

Nel momento in cui il Governo Italiano ha adottato questi provvedimenti che di fatto hanno sospeso la e la Costituzione italiana, per la prima volta nella storia della Repubblica dal 1946, tutte le autorità politiche e sanitarie hanno considerato il nuovo (e cito testualmente) una “emergenza sanitaria”, dunque una minaccia assai meno pericolosa di un’epidemia o (come poi annunciato dall’OMS solo una settimana più tardi, l’11 marzo 2020) di una pandemia!

Avendo i ufficiali dell’OMS e dell’ISS un giorno le generazioni potranno avere il dubbio che, forse, non sussistevao reali pericoli diretti per la pubblica. Forse.

.:.