Egitto, Tecnologia in evoluzione

Tempo di lettura: 1 minuto

Un’azienda telefonica ha dichiarato che investirà circa € 250 milioni ($ 277 milioni) nel paese quest’anno. E sebbene il 4G sia stato lanciato nel paese solo nel 2016, gli operatori stanno già discutendo le scadenze per il 5G.

Una migliore infrastruttura, unita a pacchetti di dati più economici (l’87% delle connessioni mobili sono prepagate) e telefoni, può incoraggiare un numero maggiore di egiziani a collegarsi online. Se ciò non accade organicamente, il governo potrebbe cercare di facilitare attivamente il cambiamento.

L’uso degli ID digitali come mezzo per accedere ai servizi , ad esempio, è solo uno dei meccanismi attualmente in fase di implementazione.

Le filiali degli uffici postali vengono utilizzate per iscrivere i cittadini a questo programma, con la biometria che svolge un ruolo chiave, dato un tasso di alfabetizzazione degli adulti del 74%.

I dati della affermano che solo il 33% degli egiziani aveva un conto bancario nel 2017.

Il settore fintech egiziano è attualmente composto da circa 40 aziende , tra cui start-up, istituti finanziari e fornitori di microfinanza, nonché incubatori, hub e investitori.

Tra il 2014 e il 2017, la percentuale della che utilizza denaro mobile è balzata dall’1,1% al 22,8% e nel paese vi sono 20 milioni di conti di pagamento mobile attivi.

Il 90% degli egiziani guardano video sui loro telefoni, il 65% ha utilizzato mappe mobili e il 29% ha utilizzato servizi di guida come tuk-tuk locale e un servizio di motociclette.

A parte la situazione politica – i militari hanno assunto il potere nel 2011 – il paese è afflitto da frequenti interruzioni di corrente , alti livelli di disoccupazione, tra cui un terzo di quelli di età compresa tra 15 e 24 anni e il 34% dei laureati, e livelli contrastanti di inclusione . Inoltre, circa il 95 percento degli egiziani vive lungo il Nilo, su meno del 5% del territorio egiziano.

Fonte