Effetti acuti della caffeina sulla velocità di movimento in esercizio di resistenza

Tempo di lettura: 2 minuti

Una ricerca di studi è stata eseguita attraverso sette database. Meta-analisi di effetti casuali di differenze medie standardizzate (SMD) sono state eseguite per analizzare i dati. Le meta-analisi dei sottogruppi hanno esplorato gli effetti della su diverse variabili di (cioè, media e di picco), diversi carichi (cioè, carichi bassi, moderati e alti) e esercizi per la parte superiore e inferiore del corpo.

risultati

Dodici studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione.

Nella principale meta-analisi, in cui abbiamo raccolto tutti gli studi disponibili, l’SMD ha favorito la condizione della caffeina (SMD = 0,62; intervallo di confidenza al 95% [CI]: 0,39-0,84; p  <0,001).

Le analisi dei sottogruppi hanno indicato che la caffeina migliora significativamente la media (SMD = 0,80; IC 95%: 0,48-1,12; p  <0,001)

e la velocità di picco (SMD = 0,41; IC 95%: 0,08-0,75; p  = 0,014),

velocità di con carichi bassi (SMD = 0,78; IC al 95%: 0,41–1,14; p  <0,001),

carichi moderati (SMD = 0,58; IC al 95%: 0,25-0,91; p  = 0,001)

e carichi elevati (SMD = 0,70; 95 % CI: 0,33–1,07; p  <0,001),

così come nella parte inferiore del corpo (SMD = 0,82; IC al 95%: 0,42–1,23; p <0,001)

ed esercizi per la parte superiore del corpo (SMD = 0,59; IC al 95%: 0,37-0,82; p  <0,001).

 

Conclusione

La supplementazione acuta di caffeina è altamente ergogenica per la velocità di movimento nell’esercizio di . Le analisi dei sottogruppi hanno indicato che l’ingestione di caffeina è ergogenica:

(a) sia per la velocità media che per quella di picco;

(b) per la velocità di movimento quando ci si allena con carichi bassi, moderati e alti, e

(c) per la velocità di movimento in entrambi gli esercizi della parte inferiore e superiore del corpo. Le precedenti meta-analisi che hanno esplorato gli effetti della caffeina su vari aspetti delle dell’esercizio di resistenza (ad esempio, e resistenza) hanno riportato effetti ergogenici da banali a moderati (intervallo di dimensioni dell’effetto: 0,16-0,38).

Nella presente meta-analisi, la dimensione dell’effetto aggregato variava da 0,41 a 0,82.

Dal punto di vista delle prestazioni degli esercizi di resistenza, ciò suggerisce che la caffeina ha gli effetti di miglioramento delle prestazioni più pronunciati sulla velocità di movimento.

Autori, Javier Raya-GonzálezTara Rendo-UrteagaRaúl DomínguezDaniel CastilloAlejandro Rodríguez-FernándezJozo Grgic – – Fonte – springer.com