Economia non trasparente, Luce splendente in luoghi bui

Tempo di lettura: 3 minuti

Si stima che da 21 a 32 trilioni di dollari di ricchezza finanziaria privata si trovano, non tassati o leggermente tassati, nelle giurisdizioni segrete di tutto il mondo. Le giurisdizioni segrete – un termine che usiamo spesso come alternativa ai più diffusi paradisi fiscali – usano il segreto per attrarre flussi finanziari illeciti e illegittimi.

I flussi finanziari transfrontalieri illeciti sono stati stimati in 1-1,6 trilioni di dollari all’anno: facendo diminuire gli Stati Uniti di circa 135 miliardi di dollari in aiuti esteri globali.

Dagli anni ’70, solo i paesi africani hanno perso oltre $ 1 trilione in fuga di capitali, mentre i debiti esterni combinati sono inferiori a $ 200 miliardi.

Quindi l’Africa è un grande creditore netto nel mondo, ma i suoi beni sono nelle mani di una élite ricca, protetta dal segreto offshore; mentre i debiti sono sostenuti da vaste popolazioni africane.

Eppure anche tutti i paesi ricchi soffrono. Ad esempio, paesi europei come la Grecia, l’Italia e il Portogallo sono stati messi in ginocchio in parte da decenni di evasione fiscale e saccheggio dello stato attraverso il segreto offshore.

Si è sviluppata un’industria globale che coinvolge le più grandi banche del mondo, studi legali, società di contabilità e fornitori specializzati che progettano e commercializzano strutture offshore segrete per i loro clienti che evitano le tasse e la legge. La “concorrenza” tra le giurisdizioni per fornire strutture di segretezza, in particolare dall’era della globalizzazione finanziaria decollata negli anni ’80, è diventata una caratteristica centrale dei mercati finanziari globali.

I problemi vanno ben oltre le tasse. Nel fornire segretezza, il mondo offshore corrompe e distorce mercati e investimenti, modellandoli in modi che non hanno nulla a che fare con l’efficienza.

Il mondo della segretezza crea una serra criminogena per molteplici mali tra cui frodi, imbrogli fiscali, fuga dalle normative finanziarie, appropriazione indebita, abuso di informazioni privilegiate, corruzione, riciclaggio di denaro e molto altro. Fornisce molteplici modi per gli addetti ai lavori di estrarre ricchezza a spese delle società, creando l’impunità politica e minando il sano affare “nessuna tassazione senza rappresentanza” che ha sostenuto la crescita di moderni Stati nazionali responsabili.

Molti paesi più poveri, privati ​​delle tasse e che emettono capitali nelle giurisdizioni segrete, si affidano a dispense di aiuti esteri.

Nell’individuare i più importanti fornitori di segretezza finanziaria internazionale, l’indice di segretezza finanziaria rivela che gli stereotipi tradizionali dei paradisi fiscali sono concepiti male.

I principali fornitori mondiali di segretezza finanziaria che ospitano beni saccheggiati non sono per lo più piccole isole circondate da palme, come molti suppongono, ma alcuni dei paesi più grandi e ricchi del mondo.

I paesi ricchi dell’OCSE e i loro satelliti sono i principali destinatari o conduttori di questi flussi illeciti.

Le implicazioni per la politica di potere globale sono chiaramente enormi e aiutano a spiegare perché per così tanti anni gli sforzi internazionali per reprimere i paradisi fiscali e il segreto finanziario siano stati così inefficaci, sono i destinatari di questi afflussi giganteschi che stabiliscono le regole del gioco.

La crisi finanziaria globale e la conseguente crisi economica, combinate con il recente attivismo e l’esposizione di questi problemi da parte degli attori della società civile e dei media, e le crescenti preoccupazioni sulla disuguaglianza in molti paesi, hanno creato una serie di condizioni politiche senza precedenti nella storia.

I leader mondiali ora stanno abitualmente parlando dei flagelli del segreto finanziario e dei paradisi fiscali e stanno mettendo in atto nuovi meccanismi per affrontare il problema. Per la prima volta i paesi del G20 hanno incaricato l’OCSE di mettere insieme un nuovo sistema globale di scambio automatico di informazioni per aiutare i paesi a scoprire le proprietà transfrontaliere dei loro contribuenti e criminali.

Si ringrazia financialsecrecyindex.com