NATO/OTAN

Tempo di lettura: 3 minuti

La NATO gestisce una flotta di velivoli AWACS ( 707 Airborne Warning System & Control System) modificati e dotati di sensori radar e passivi a lungo raggio in grado di rilevare contatti e superficiali su lunghe distanze. Le informazioni raccolte da AWACS possono essere trasmesse direttamente dall’aeromobile ad altri utenti a terra, in mare o in volo. La Forza di allarme in tempo reale della NATO fornisce all’Alleanza un comando e controllo aereo, aereo e marittimo immediatamente disponibili e capacità di gestione dello spazio di battaglia.
Dopo significative modifiche alla comunità di allarme in tempo reale della NATO, il comando della Forza NAEW si è trasferito a Geilenkirchen e al Comando Allied Air Command è stato assegnato il controllo operativo della componente E-3A della NATO.

Conformemente al mandato ricevuto dal Supreme Allied Europe (SACEUR), il Comandante Allied Air Command è responsabile per l’impiego della Forza Avviata e di Controllo dell’Aviazione NATO a supporto delle missioni permanenti della NATO, della difesa collettiva, degli eventi ad alta visibilità e della gestione delle crisi operazioni all’interno o all’esterno dell’area di responsabilità di SACEUR, come deciso dal Consiglio Nord Atlantico al fine di raggiungere gli obiettivi dell’Alleanza.

Il NAEW & CF della NATO è la più grande impresa collaborativa dell’Alleanza, esemplificando la capacità della NATO di facilitare la cooperazione multinazionale e di sfruttare i vantaggi della messa in comune delle risorse. NAEW e CF sono composti da due elementi chiamati Componenti. La prima è la componente multinazionale NATO E-3A a Geilenkirchen, in Germania, che opera con il velivolo E-3A della Boeing NATO. Gli squadroni E-3A della NATO sono presidiati da equipaggi internazionali integrati provenienti da 16 nazioni e sono attualmente sottoposti a un programma di modernizzazione per affrontare le sfide attuali e future, previsioni che saranno completate entro il 2018. Gli E-3A operano dalla base operativa principale di Geilenkirchen , dal febbraio 1982 e dalle basi operative a termine (FOB) a Trapani, Italia; Aktion, Grecia; e Konya, in Turchia. Inoltre, a Orland, in Norvegia, c’è anche una postazione operativa di andata. Il secondo componente è lo squadrone Airborne Early Warning (8 Sqn) della Royal Air Force (RAF), con 6 aerei Boeing E-3D. Il componente E-3D è presidiato solo dal personale della RAF e la sua base operativa principale è RAF Waddington nel Lincolnshire, GBR.

La NATO AWACS decolla da Forward Operating Location Ørland in Norvegia durante Arctic Challenge 2015 – Foto per gentile concessione di NATO E-3A Component Public Affairs Office

I componenti sono stati chiamati a supportare un’ampia gamma di operazioni. Ad esempio, alla fine del 2009, l’AWACS della NATO iniziò ad assistere nell’operazione della NATO, un’operazione continua di monitoraggio del mar Mediterraneo per e pirateria. All’inizio del 2011, l’AWACS della NATO ha iniziato l’operazione Afghan Assist, missioni aeree sull’ a sostegno delle operazioni ISAF. Poco dopo, il sostegno all’operazione Unified Protector ha contribuito a rafforzare la zona di non volo e l’embargo sulle armi imposto alla Libia, contribuendo al quadro generale dell’aerea a rendere lo più sicuro, proteggendo così i civili libici. Oggi, gli AWACS della NATO pilotano missioni di sorveglianza a sostegno di misure di garanzia a seguito della crisi russo-ucraina,

L’ultimo contributo della NATO alla Global Coalition to Counter-ISIL, gli AWACS della NATO operano all’interno dei confini della NATO e, se necessario, lo spazio aereo internazionale, per fornire sorveglianza e consapevolezza della situazione. Questo contributo dimostra chiaramente la determinazione della NATO di affrontare il terrorismo e le sfide alla provenienti dal sud. I componenti forniscono anche il supporto di per eventi importanti come i vertici della NATO e le visite ai capi di stato in tutta Europa.

Fonte