Dubai alleggerisce le leggi sui liquori

Tempo di lettura: 2 minuti

, sede del corriere a lungo raggio , attira visitatori da tutto il mondo verso il , l’edificio più alto del mondo, nonché verso resort sulle spiagge lungo il Golfo Persico. I vagano per chilometri (miglia) di centri commerciali con aria condizionata, viaggiano su SUV nei suoi dolci deserti e godono dei suoi numerosi .

Gli dominano altri paesi del Medio Oriente quando si tratta di bere, con un consumo di alcol pro capite di 3,8 litri pro capite all’anno, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Questo è persino con Sharjah, uno dei sette emirati degli , che vieta l’alcol.

L’alcool significa grandi affari, soprattutto per lo stato. C’è una tassa di importazione del 50% su una bottiglia di alcol, nonché una tassa aggiuntiva del 30% a Dubai per l’acquisto da negozi di liquori.

Dubai Duty Free, che è anche di proprietà del governo, ha venduto oltre 2 miliardi di dollari di beni solo l’anno scorso a coloro che passano attraverso i suoi terminal dell’aeroporto, tra cui 9 milioni di lattine di birra, 3 milioni di bottiglie di whisky e 1,5 milioni di bottiglie di vino.

Nel 2016, Dubai ha alleggerito le regole che vietano le vendite di alcol durante il giorno durante il mese sacro del Ramadan, quando i musulmani osservanti digiunano dall’alba al tramonto e si astengono da qualsiasi cosa percepita come un comportamento peccaminoso.

Dubai ha allentato le sue leggi sui liquori per consentire ai turisti di acquistare alcolici in negozi controllati dallo stato precedentemente accessibili solo ai residenti in possesso di , poiché gli Emirati Arabi Uniti hanno visto il primo calo delle vendite di alcol in volume in un decennio.

Le nuove leggi, che consentono anche ai visitatori della Dubai tempestata di grattacieli di ottenere i permessi di liquori per la prima volta, si trovano in una in aumento che colpisce questa nazione ricca di petrolio nella penisola arabica.

Nei prossimi anni, il calendario lunare islamico avvicinerà il Ramadan ai primi mesi primaverili e invernali, un periodo pieno di turisti in città prima che il caldo prenda il sopravvento.

Tuttavia, le leggi chiudono anche un enigma legale di vecchia data che affronta i turisti assurdi che viaggiano qui. Sorseggiare una birra o indulgere in un brunch imbevuto di in questa città-stato, rimane tecnicamente illegale senza un bevitore in possesso di un permesso.

Fonte