Dichiarazione congiunta Iran-Russia sulla promozione del diritto internazionale

Tempo di lettura: 3 minuti

Mohammad e Sergei Lavrov, i ministri degli Esteri della Repubblica dell’ e della , hanno firmato una “dichiarazione della Repubblica islamica dell’Iran e della sulla promozione del .

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa sono determinate a trattare approcci unilaterali, per risolvere le crisi globali e a promuovere attivamente approcci collettivi e multilaterali equi basati su principi ben noti e regole generali di diritto internazionale per risolvere urgenti questioni regionali e globali.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa hanno respinto l’idea che stanno cercando di minare il diritto internazionale, basato sul diritto internazionale.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa ribadiscono il loro pieno impegno nei confronti del principio del diritto internazionale sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e dalla Dichiarazione del 1970 sui principi del diritto internazionale in materia di relazioni amichevoli e tra Stati conformemente alla Carta delle Nazioni Unite.

I principi del diritto internazionale, che sono alla base di relazioni internazionali eque ed eque, mettono in primo piano la cooperazione vantaggiosa per tutti e creano uno spazio comune per la e la cooperazione economica uguali e inscindibili.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione russa condividono l’opinione secondo cui il principio della parità di potere è vitale per la stabilità nelle relazioni internazionali.

I governi godono dei loro diritti sulla base di indipendenza e uguaglianza e i loro obblighi e responsabilità si basano sul rispetto reciproco.

I governi hanno il diritto di partecipare equamente alla creazione e all’esercizio del diritto internazionale. Si impegnano inoltre a rispettare costantemente e coerentemente il diritto internazionale.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa sottolineano la necessità per i governi di astenersi dal minacciare o ricorrere forzatamente all’integrità territoriale o all’indipendenza politica di qualsiasi altro paese, contrariamente alla Carta delle Nazioni Unite. Di conseguenza, condannano l’intervento militare unilaterale.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa sostengono pienamente il principio di non interferenza negli affari interni o esterni degli Stati e condannano qualsiasi interferenza negli affari interni o esterni di altri Stati con l’obiettivo di cambiare falsamente i governi legittimi che violano questo principio.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione russa prenderanno in considerazione qualsiasi tentativo o tentativo di indebolire o destabilizzare i propri Stati o istituzioni in qualsiasi forma o pretesto per violare questo principio.

L’Iran e la Russia hanno condannato l’uso extragiudiziale del diritto internazionale come una violazione del principio di non interferenza negli affari interni degli Stati.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione russa, come parte del principio di non interferenza negli affari interni o esterni degli Stati.

Il diritto sovrano e inviolabile degli Stati di determinare il loro ordine politico, economico, culturale e sociale per lo sviluppo delle relazioni internazionali e l’esercizio della sovranità permanente sulle loro risorse naturali, secondo la volontà del loro popolo e senza interferenze esterne, interferenze, sovversioni, coercizioni o minacce.

La Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa sottolineano il principio della risoluzione pacifica delle e credono fermamente che i governi debbano risolvere le loro differenze attraverso gli strumenti e i meccanismi su cui hanno concordato.

Questo processo contribuirà a risolvere pacificamente le controversie in conformità con il diritto internazionale applicabile e può quindi comportare una riduzione delle tensioni e un aumento della cooperazione pacifica.

Ovviamente, al fine di mantenere l’ordine giuridico internazionale, è necessario che tutti gli strumenti e i meccanismi per la risoluzione delle controversie siano basati sulla soddisfazione e che siano attuati con buone intenzioni e spirito di cooperazione.

Questi obiettivi non dovrebbero essere compromessi dall’abuso di potere.

Vedono l’imposizione di misure unilaterali coercitive, note anche come “sanzioni unilaterali”, come esempio di tale procedura.

Parlando oggi in una conferenza stampa congiunta con Lavrov, il ministro degli Esteri iraniano Zarif ha affermato che il diritto internazionale non ha alcun significato per il nuovo regime americano.

Fonte