Deutsche Bank taglia 18mila posti di lavoro

Tempo di lettura: 2 minuti

Le banche svolgono un’utile funzione di ridistribuzione del rischio finanziario, allocazione del e fornitura di credito. Ma ci sono troppe banche e, peggio ancora, ci sono troppi banchieri.

Osservando il caso di , tra il 2009 e il 2018 la banca ha perso 14,8 miliardi di dollari in valore di mercato (compresi i dividendi pagati agli azionisti).

Questa è la perdita di valore totale, con alcuni alti e bassi. Nel 2016 il valore di mercato di Deutsche Bank è diminuito di quasi $ 27 miliardi, mentre nel 2017 è cresciuto di $ 21,5 miliardi.

Ciò significa che Deutsche Bank ha distrutto US $ 15.370 per dipendente, all’anno. E, in media, i 100.000 dipendenti di Deutsche Bank sono stati pagati più di quello che hanno generato. Da qui la logica che licenziare 18.000 banchieri crea valore.

Nel suo recente libro “Bullshit Jobs: A Theory” , David Graeber della London School of descrive una tendenza importante nelle economie moderne: la proliferazione di lavori inutili e insoddisfacenti che non creano valore per la società.

Nelle sue parole, è il rapido sviluppo delle società FIRE (finanziarie, assicurative e immobiliari) che guida questo fenomeno.

Le burocrazie aziendali nel settore bancario, in particolare il commercio, i lavori di back office, la gestione dei rischi, le risorse umane, la sono quindi indesiderabili per due motivi: non creano valore internamente e impiegano anche persone in aziende che non creano valore sociale ed economico.

I lavori bancari sono meno attraenti per i neolaureati delle scuole di business e si aggiungono allo stigma associato ai lavori bancari.

La storia è piena di fallimenti delle persone nell’anticipare l’impatto del cambiamento tecnologico. Stiamo commettendo lo stesso errore con la finanziaria ()? Potrebbe, infatti, essere la prossima rivoluzionaria per stimolare la ?

Le innovazioni finanziarie sono diverse dalle altre invenzioni in quanto possono influire direttamente sull’efficienza del settore finanziario, che è il modo in cui il risparmio e gli sono intermediati in un’ – e che quindi influenzano la crescita.

Tuttavia fintech fa parte dell’economia digitale che ha prodotto innovazioni che hanno trasformato il nostro modo di vivere, anche se la crescita della ha rallentato per decenni nelle economie avanzate.

Il Financial Stability Board divide fintech in cinque grandi categorie : pagamenti, compensazione e regolamento; deposito, prestiti e raccolta di capitali; assicurazione; gestione degli investimenti; e supporto al mercato.

Uno studio della Bank for International Settlement cha scoperto che fintech è più importante nei paesi con normative bancarie meno rigorose, redditi più elevati e sistemi bancari meno competitivi. Oggi, ci sono 110.000 agenti M-Pesa, che è 40 volte il numero di sportelli in Kenya, secondo la Banca Mondiale.

Il ridimensionamento è quindi l’unica soluzione e il settore bancario di nicchia sembra essere il modello di business del futuro. Banche come UBS , Crédit Agricole e BNP-Paribas hanno già attraversato questa stessa trasformazione di taglio del lavoro .

A fronte di tutto ciò le banche ‘standard’ sono destinate a fallire, soprattutto perché a livello globale devono competere con realtà finanziarie ubicate per esempio nell’Asia, e in particolare la Cina. Quattro delle cinque maggiori banche al mondo sono cinesi e stanno iniziando a competere sui mercati internazionali.

Fonti
theconversation.com
weforum.org
doughroller.net
globalfindex.worldbank.org